nandocan.it
Tra il potere e la folla |
Roma, 13 ottobre 2018 - "Quella a cui stiamo assistendo è un'aggressione senza precedenti alla libertà di informazione". Può sembrare eccessiva la dichiarazione del presidente della Federazione Nazionale della Stampa, Beppe Giulietti, nel corso di un'intervista apparsa sul "Manifesto" di mercoledì scorso. Davvero senza precedenti? "Non tanto - precisa Giulietti - rispetto agli attacchi specifici del vicepremier Di Maio alle testate del gruppo Gedi, quanto piuttosto riguardo all'atteggiamento del governo giallo-verde nei confronti del giornalismo in generale". Perché, aggiunge, non si tratta della reazione nervosa ad una testata giornalistica né di "un film soltanto italiano". Se un uomo come Steve Bannon, l'ideologo di Trump, "esperto della fabbrica delle fake news per inquinare gli ordinamenti democratici...sceglie l'Italia come sua piattaforma per realizzare una serie di alleanze internazionali ci sarà una ragione...Trump, Orban, Le Pen, Bolsonaro vincono le elezioni con questo