nandocan.it
PD. Il nodo decisivo del segretario/premier |
Roma, 19 marzo 2017 - Eccoli ai nastri di partenza, scrive Giovanna Casadio di Repubblica. Da domani le candidature alla segreteria del Partito democratico di Michele Emiliano, governatore della Puglia, Andrea Orlando, ministro Guardasigilli e l'ex premier e segretario uscente Matteo Renzi, verranno proposte all'attenzione della base del partito nei 6.352 circoli, in vista della Convenzione dei delegati del 9 aprile e poi delle primarie ai gazebo del 30. E alle "idee dei tre sfidanti a confronto" è dedicata una pagina del quotidiano, che sintetizza le rispettive posizioni in materia di lavoro, scuola, welfare e fisco, alleanze e naturalmente futuro del partito medesimo. Poiché l'editoriale di Scalfari, dopo un incontro con Renzi, assicura che quest'ultimo verrà "totalmente assorbito" dal compito di "riformare il partito soprattutto nella sua struttura territoriale", vale la pena di confrontare le sue idee in proposito con quelle di Emiliano e di Orlando. A cominciare dalla più decisiva