nandocan.it
Palestra sì, ma aperta. Caffè del 23 |
Fin dal suo primo apparire all'orizzonte politico è stato chiaro a quanti hanno letto per intero il documento di Fabrizio Barca (che sono probabilmente assai meno di quanti ne parlano) che la sua era "una nuova idea di partito e di governo" (sottotitolo del suo libro "La traversata"), contrapposta ai vecchi partiti stato-centrici come ai partiti presidenzialisti all'americana,come il partito di Renzi. "Non un compromesso fra i due", come ha risposto a Salvatore Settis l'autore. La scommessa di tentare l'impresa col PD, che peraltro era stato ufficialmente annunciato come partito "nuovo", non poteva che essere difficilissima e a lungo termine. Lo ammise lui stesso anni fa rispondendo ad una mia perplessità in proposito. Si trattava (si tratta) di "rivoltare il partito come un calzino", cambiandone la natura e l'organizzazione a partire dalla base dei circoli. Perché è proprio ai circoli che gli esperimenti dei "luoghi idea(li)" sono proposti. Lo "sperimentalismo democratico", il