nandocan.it
Il Papa: per l'Europa un nuovo umanesimo. |
I tg di venerdì 6 maggio – Nel giorno in cui, ricevendo il premio Carlo Magno, Papa Francesco parla dell'esigenza di un "nuovo umanesimo europeo" ed ammonisce contro il rischio che la battaglia per l'apertura e la solidarietà possa rappresentare l'ultima utopia franata dell'Unione, quasi tutti i Tg (aperture per Tg1, Tg4, Tg5 e Tg La7) segnalano la "non ritualità" di questo intervento di fronte alle massime autorità europee. La protestante Merkel che assiste alla messa cattolica celebrata dal "suo" cardinale Kasper è il segno di una, auspicabilmente doverosa, accoglienza da parte di chi ha il potere di rispondere ai segnali di allarme e di speranza lanciati da Francesco. Il discorso del Papa non è rituale, anche perché definisce l'integrazione e la multiculturalità un elemento essenziale del nuovo umanesimo europeo nel giorno in cui, come vedremo più avanti, si insedia il primo sindaco musulmano di una capitale dell'Unione. Mentana segnala la profondità del discorso, Cecchi Paone