nandocan.it
Gridi che chiamano al cambiamento |
Non ci vorrà molto per capire se Nicola Zingaretti, andando oltre la tattica congressuale, intende segnalare e avviare da subito, con opportune iniziative concrete, la volontà di cambiamento dichiarata e decisamente apprezzata dai suoi elettori. Pensando e progettando sulle grandi sfide del 21.o secolo - il viaggio a Torino per la TAV non mi pare per la verità un buon inizio - "per riscattare dal lungo sequestro il partito democratico", come scrive La Valle nella newsletter di oggi (nandocan) ***di Raniero La Valle, 5 febbraio 2019 - Col ritorno alla grande del Sindacato in piazza il 9 febbraio a Roma, con la manifestazione di Milano del 2 marzo, con la critica all'"Europa dei populismi" argomentata con rigore nel congresso romano di Magistratura democratica, con i cattivi umori elettorali rivelatisi in Abruzzo e Sardegna e da ultimo con l'oltre un milione di voti dato dai cittadini a Zingaretti per riscattare dal lungo sequestro il partito democratico, sembra segnata la fine, almeno