nandocan.it
Chi è fuori dalla Costituzione |
di Elisabetta Rubini, 16 gennaio 2014* - Gli ultimi vergognosi episodi di xenofobia di esponenti della Lega – l'assessore regionale Bordonali e il consigliere comunale di Brescia Rolfi – e la pubblicazione sulla Padania degli appuntamenti del ministro Kyenge, additata come "inadatta al ruolo che ricopre" confermano, se mai necessario, che la Lega si pone al di fuori dei principi e dei valori promossi dalla nostra Costituzione. Nonostante i risibili tentativi di sminuire l'accaduto, è evidente che il ministro Kyenge viene contestata in quanto affine, per la sua origine e per i dichiarati obiettivi politici, a quegli immigrati cui gli invasati leghisti pretendono di addebitare i mali del paese. "Frontiere aperte, aziende chiuse" era scritto sullo striscione portato da un manipolo di aderenti a Fratelli d'Italia, capitanati da un altro assessore regionale, Viviana Beccalossi, di cui molto giustamente il PD lombardo ha chiesto le immediate dimissioni, in quanto – lei certamente sì –