nandocan.it
Appuntamento a sinistra |
Non è spazioso come il Brancaccio il teatro Ghione di Roma né così affollato come quello che in una bella giornata di primavera dell'anno scorso accoglieva le speranze di rinnovamento della sinistra italiana con "un'alleanza popolare per la democrazia e l'uguaglianza". Ma la sconfitta di "Liberi e Uguali" alle elezioni del 4 marzo non ha spento l'entusiasmo né l'attivismo dei cinquanta comitati territoriali. Sabato scorso, 24 novembre, si sono auto convocati nella capitale insieme al presidente Pietro Grasso. Decisi a mantenere l'impegno che era stato preso con gli elettori di costruire, all'indomani del voto, un partito unitario della sinistra italiana. A Gennaio, un'assemblea costituente proporrà statuto e regolamenti. E il primo congresso dovrà tenersi prima delle elezioni europee. Vedremo. Per i 7minuti di video che seguiranno, non troverete nelle voci di Grasso, Speranza, Falcone, Fassina e altri la baldanza arrogante della destra populista ma l'indicazione appassionata di un