nandocan.it
2018, anno nero per i giornalisti: 80 morti non solo per guerre |
Quanti sono i lettori che vorrebbero più giornalisti con la schiena dritta anche a costo che possano risultare scomodi per la propria persona, famiglia, categoria o corrente politica? Anche con la risposta a questa domanda si può misurare il livello di onestà e di democrazia di un Paese (nandocan). ***di Ennio Remondino, 18 dicembre 2018* - Giornalisti bersaglio, e spesso siamo anche innocenti. Auto ironia rispetto a dati che minacciano il diritto di tutti noi ed essere informati correttamente. Il diritto alla libera informazione che è anche diritto alla vita per chi l'informazione la fa, quella sul serio, professionale ed onesta (l'obiettività è virtù teologica, l'onestà un dovere). Di colleghi impegnati sul fronte dell'onestà, ne sono stati uccisi 80 in giro per il mondo. L'anno scorso hanno perso la vita 65 giornalisti, uccisi nell'esercizio della professione. Tra le vittime di quest'anno, 63 giornalisti professionisti, con un incremento del 15%, 13 giornalisti non professionisti