lungi.it
Progetti realizzati 2018 - LUNGI
Progetti realizzati 2018 Il Consiglio Direttivo, con la viva collaborazione di molti soci/e, in questo primo anno di vita dell’associazione ha realizzato molte attività di promozione della cultura ludica, contribuendo a farsi conoscere, arricchire eventi organizzati da terzi, tessendo nuove relazioni e fruttuose e collaborazioni per progetti che troveranno più piena espressione nel 2019. Di seguito vengono brevemente illustrati i passaggi del 2018.Si rinnova l’invito a tutti di fare giungere notizia di eventi coerenti con le finalità della nostra Associazione, affinché LUnGi possa risultare anche un’efficace cassa di risonanza per il territorio nazionale. Progettazione grafica del logo dell’associazione Nei primi mesi di attività LUnGi non aveva un logo che la rappresentasse. Si è deciso di coinvolgere gli allievi di una classe dell’Istituto Professionale “Persolino Strocchi” di Grafica e Design di Faenza.Una ventina i loghi ideati (vedi l’immagine che raccoglie tutte le proposte – Poster (in formato PDF), successivamente sono stati votati dai soci durante l’assemblea del 14 dicembre 2017, selezionandone 5. Tra questi una commissione (giuria-logo-lungi) ha selezionato il vincitore, diventato il logo dell’associazione.Il percorso si è concluso il 14 aprile 2018, con un evento all’interno del secondo Festival della Comunità Educante di Faenza, a cura della coop Kaleidos. Leggi il resoconto del progetto – link a documento PDF – resocontoProgettoLogoLungi 16 marzo 2018 – Seminario in Regione – il bel gioco dura per sempre Cultura ludica, formazione e qualità della vita – Assemblea legislativa ER – sala Guido Fanti – Viale Aldo Moro, 50 – BOLOGNA PROGRAMMA SVOLTO:Ore 14.30 – Saluti istituzionali di Simonetta Saliera, presidente Assemblea legislativa Regione EROre 14.45 – Relazione introduttiva di Roberto Farnè, docente di Pedagogia del gioco UniboA seguire alcune esperienze e ricerche a confronto:– Emilia Ficarelli, ludoteca “Il Castello dei ragazzi”– Teresa Grilli, Gioca lo sport senza frontiere– Giuseppe Giacon, Tocati’– Carla Landuzzi, La dipendenza da gioco d’azzardo– Furio Ferri, Animus Ludendo Coles– Roberto Papetti, Ecologia del giocattolo Conclusioni di Elisabetta Gualmini, vice presidente Giunta Regione ER Il gioco come esperienza umana in tutte le età della vita, e non solo dell’infanzia dove svolge un ruolo formazione fondamentale nella del soggetto, è il modo con cui dobbiamo guardare la dimensione ludica: uno dei fattori che concorrono alla qualità della vita della persona e della comunità in cui vive.Il gioco è cultura e produce cultura, e l’uomo è “Homo ludens” poiché giocando esprime una delle sue istanze fondamentali.La “questione del gioco” assume oggi una particolare rilevanza, sia per la ricchezza di proposte educative e culturali di cui è portatore, sia per il ruolo “ecologico” che può assumere nella formazione, nella promozione di sani stili di vita e nella prevenzione di diffuse forme di dipendenza. Riconoscere al gioco nelle sue molteplici forme il suo giusto valore anche sul piano delle politiche sociali e culturali, significa mettere al centro le potenzialità attive e creative del soggetto, contro ogni forma di passività e di alienazione; il gioco è relazione e inclusione, esperienza di libertà e responsabilità. Tavola rotonda: “Le Feste del gioco – la promozione di buone pratiche di coinvolgimento della scuola nelle feste del gioco” 14 aprile 2018 dalle 14,30 alle 16,30 – nel contesto della seconda edizione del …