laragnatelanews.it
Strage di Orlando: dal messaggio inviato da una vittima alla madre, agli ultimi attimi in casa del Killer - La Ragnatela News
"Mammina ti amo". Così comincia l'ultimo messaggio inviato da uno dei ragazzi rimasti vittime del Killer di Orlando, inviato poco prima di morire. Eddie si trovava nel pub della carneficina realizzata dal 29enne Omar Mateen che ha aperto il fuoco uccidendo 50 persone. "Sto per morire, chiama la polizia. Sono nel bagno, lui sta per venire". "Scrivimi ancora". Così gli ultimi attimi di un giovane che sente da dentro il bagno la tremenda sparatoria che di li a poco lo avrebbe coinvolto. "Nel club stanno sparando". La madre dall'altra parte dei messaggi vive così in modo drammatico la morte del figlio, terrorizzato mentre resta chiuso nel bagno. "Chiama la polizia, sto per morire. Chiamali mamma lui sta arrivando, sto per morire". Alle 02:46 Eddie è ancora vivo ed è nascosto nel bagno nella speranza che la polizia possa arrivare prima che il carnefice lo trovi. "Ci ha preso". La madre dopo aver chiamato la polizia corre davanti al Pub Pulse trovandosi in mezzo al caos di agenti, persone ferite riuscite a fuggire, il terrore. Gli manda un altro sms "Ok, stanno arrivando... la polizia è dentro, fammi sapere quando vedi la polizia". Eddie riesce a rispondere alle 02.50: "sbrigatevi, lui è nel bagno con noi". "Nel bagno delle donne", poi da quel momento il silenzio.