giuliocavalli.net
«si era messa a piangere perché dormire era una stupidaggine e rubava tempo all’allegria»
“A quei tempi era sempre festa. Bastava uscire di casa e traversare la strada, per diventare come matte, e tutto era cosí bello, specialmente di notte, che tornando stanche morte speravano ancora c…