poesiainrete.com
«Meriggiare pallido e assorto» – Eugenio Montale
Meriggiare pallido e assorto presso un rovente muro d’orto, ascoltare tra i pruni e gli sterpi schiocchi di merli, frusci di serpi. Nelle crepe del suolo o su la veccia spiar le file di ross…