oggiscienza.it
La matematica delle bolle | OggiScienza
CRONACA - Un trucchetto matematico che i delfini usano per pescare potrebbe affinare le tecniche di rilevamento sonar in acque basse, per esempio quelle che servono per rilevare le mine. I delfini usano "racchiudere" i banchi di pesce che cacciano in un muro di bolle per intrappolarli, ma questo metodo potrebbe ridurre la prestazione del sistema sonar che questi animali usano per individuare oggetti (e altri pesci) nell'acqua. Infatti le bolle nell'acqua riflettono il segnale sonar meglio dei pesciolini che i deflini vorebbero mangiarsi. Perché usare le bolle allora, si sono chiesti gli scienziati? Timothy Leighton e colleghi dell'Univesità di Southampton pensano che i delfini usino un "trucco" basato sulla matematica. I ricercatori hanno generato dei "click" simili a quelli usati dal sonar del delfino dentro una vasca in cui una sfera di metallo (che simulava un pesce) era nascosta da una nuvola di bolle