oggiscienza.it
Povero tilacino | OggiScienza
NOTIZIE - Trucidato dall'ignoranza dei contadini, si direbbe. Il povero tilacino (noto anche come lupo o tigre della Tasmania) estinto il secolo scorso, un po' per i mutamenti del suo ambiente e un po' perché preso a fucilate dai coloni (che pagavano pure una somma di denaro a chi contribuiva allo sterminio) perché accusato di mangiarsi le pecore. A parte il fatto che se anche l'avesse fatto lo stato australiano doveva comunque svegliarsi un po' prima per la protezione di questa specie (le prime leggi di tutela sono state emanate due anni dopo la morte, nel 1936, dell'ultimo esemplare noto), pare che comunque questa accusa fosse del tutto infondata. Marie Attard e colleghi del gruppo di ricerca di biomecatronica computazionale dell'Università del Galles del Sud hanno ricostruito il comportamento predatorio del tilacino basandosi sul suo scheletro e lo hanno confrontato con quello di altri predatori che vivevano (e vivono tuttora) in Tasmania, il diavolo della Tasmania e il gatto marsupiale (gli ultimi due grandi carnivori rimasti in Australia).