ninavanigli.com
Per i tuoi occhi
Ondivaga procedo tra echi di tacchi a spillo e ansiti nel buio celebrando epifanica resa in orizzontali tanghi. Baci lenti dalla fine incerta: ciò che resta del mio angelo carnale.