nabanassar.wordpress.com
Sylvia Plath tradotta da Giuseppe Cornacchia (II) – Ariel
ARIEL (l’originale in lingua, la traduzione di Giovanni Giudici) Stasi nel buio. Poi l’immateriale blu Cola su cime e distanze. Leonessa di Dio, Come quello ci sentiamo, Fulcro di tallo…