erodaria.blog
L’autunno e la solita storia delle metafore esistenziali
Ungaretti, amico mio, hai scritto una delle poesie* più belle di sempre, mettendo in fila nove parole in croce e piazzandoci dentro una sciatta similitudine. Almeno ti potevi sforzare con una meta…