danielaedintorni.com
L’addio di W. Goethe, “regalata” da Adele Libero
Siano i miei occhi a dire l’addio che la bocca non sa pronunciare. Che pena, che pena da sopportare! e dire che sono un uomo! … Triste diventa, in quest’ora anche il pegno d’amore più dolce, freddo…