cittavisibile.org
Un filo lega Orta di Atella alla vergogna. Noi lo spezziamo. E restiamo umani.
La speranza sarebbe quella di raccogliere le istanze più avanzate, più inclusive che si manifestano su scala nazionale ed assumerle, portarle a maturazione a livello locale. Ma si sa, “la speranza ha due bellissimi figli: sdegno e coraggio. Sdegno per le cose come sono e coraggio, per cambiarle”. Qui ad Orta, però, la speranza è bandita, sepolta. Non è abbastanza lo sdegno, sconosciuto il coraggio. Un filo lega Orta di Atella allo scempio di questo tempo imbastardito, che innalza muri e fomenta
Giovanni Salomone