teatrogiani.it
Teatro Lucia Gianì - Accademia della Cultura Teatro Gianì
Una storia antica fatta di cultura Il Teatro Lucia Gianì di Partinico Il teatro L. Gianì affonda le sue radici nella storia. Infatti nel lontano 1803, regnante Ferdinando I° di Borbone, Re di Sicilia, vengono aboliti, per mezzo di un decreto regio, gli ultimi usi feudali ancora in uso a Partinico quali la decima sulle uve e sui cereali. I Contadini a tal proposito erano obbligati a versare il 10% della produzione agricola ai nobili di Palermo nei magazzini siti in via P.pe Amedeo (attuale sede del teatro L. Gianì). In ragione del provvedimento regio i magazzini della Decima vengono trasferiti con decreto di esproprio alla potestà comunale. Su ordine di Re Ferdinando di Borbone, gli amministratori locali adibiranno, con la necessaria ristrutturazione, questi locali a teatro comunale affinché, come detto dal Re, “questi luoghi di dolore si trasformino in luoghi di svago per la nostra gente”. Fu così che nel 1806 viene inaugurato il Teatro di San Leopoldo, in onore dell’infante Re Leopoldo, protettore di Partinico. Il teatro visse tante belle stagioni artistiche con la partecipazione di artisti e sciantose napoletane che venivano in tournee al teatro. Fino al 1854 il teatro fu funzionante e nelle sere invernali c’era sempre una grande affluenza di pubblico. Con l’avvento dei Savoia il teatro andò in rovina e i locali furono divisi e acquistati dai privati. Nel dopoguerra fu adibito a locali per matrimoni con la gestione della famiglia Safina di Partinico. Successivamente divenne sede dell’Ipsia di Partinico. Infine viene affittato dal comune di Partinico e utilizzato come archivio storico. Nel 2003 viene acquistato dalla diocesi di Monreale con una donazione delle sorelle Gianì di Partinico con l’obbligo di ivi realizzarvi un salone parrocchiale. Nel 2006, con finanziamento regionale, viene realizzato il teatro L. Gianì.