raffaeleviglianti.it
Aspettando il 4 marzo | Raffaele Viglianti
Da elettore di sinistra guardo con interesse tanto a LeU quanto a Potere al Popolo. Non mi sfuggono le differenze tra queste due formazioni che al momento, in parte l'una e in parte l'altra, pongono la loro attenzione su alcuni dei temi dell'agenda politica che più mi stanno a cuore. Di contro tanto l'una quanto l'altra contengono anche degli aspetti che non riscuotono in me una particolare predilezione. Ecco allora che in questi giorni mi viene da pensare che sarebbe stato quanto mai opportuno che il cosiddetto "Brancaccio" riuscisse a dare vita ad un percorso diverso, ampio e condiviso. Non perché nutrissi una particolare necessità di affidarmi a Tomaso Montanari e Anna Falcone, peraltro due persone serie che non hanno mai chiesto (e continuano a non chiedere) per loro alcun ruolo né come leader di partito né come candidati a qualcosa. Ma perché continuo a vedere in quel progetto la possibilità (per ora sfumata, un giorno chissà) di mettere davvero insieme quel popolo di sinistra