nimtara.it
DAGGER: CAPITOLO 6.6 | | NIMTARA
6 marzo 1193 Giorno 9 York "E… e… etcì! Etcì, etciù, etciùùù!!!" Dopo la terza serie di starnuti nel giro di un minuto si rassegnò all'evidenza: aveva preso il raffreddore. Ma non c'era motivo di preoccuparsi troppo: sarebbe bastato assumere al più presto una dose pesante di tachipirina e la fastidiosissima goccia al naso avrebbe sloggiato nel giro di mezza giornata. C'era solo un piccolo problema: era legata ad una scala in quella che sembrava essere la bottega abbandonata di un fabbro. "Etciù! Aaargh, stramaledetto pirata!" imprecò a voce alta, cercando di sciogliere i nodi delle corde che, per sua sfortuna, le capacità marinaresche di Jack avevano intrecciato in modo perfetto. Il sole doveva essere tramontato ormai da un'ora perché non riusciva a vedere oltre un metro dal proprio naso. Ogni tanto la stanza polverosa veniva rischiarata da una fiaccola di passaggio nella strada, ma le tenebre avrebbero presto ingoiato tutto lo spazio che la circondava. "Pensa, pensa, pensa…"