nandocan.it
Un atomo di verità |
***di Raniero La Valle, 16 marzo 2018 - Oggi, 16 marzo, è il quarantesimo anniversario del rapimento di Aldo Moro e dell'uccisione degli uomini della sua scorta. Per ricordarlo si è fatto largo ricorso sui giornali e in TV a interviste ai brigatisti che compirono il crimine, i quali hanno rievocato fatti e ideologie del tempo, con abbondanza di particolari e con un certo distacco più da storici che da criminali. Così nelle due puntate di Atlantide di Andrea Purgatori si sono potuti ascoltare Mario Moretti, Valerio Morucci, Raffaele Fiore e, in un filmato fatto prima che morisse, il carceriere di Moro, Prospero Gallinari. Quello che ne risulta è il tragico infantilismo e l'incultura del modo in cui essi "pensarono" la rivoluzione. Sapevano dai cinesi, e lo dicono, che "la rivoluzione non è un pranzo di gala", ma allora ne fanno un gioco; un gioco con la vita degli altri di un cinismo e di un'ingenuità senza pari, un gioco assurdo giocato come se fosse serio: la rivoluzione come