nandocan.it
Sala d'attesa |
***di Massimo Marnetto, 8 luglio 2018 - L'assemblea del PD non ha impresso una svolta, ma ha mostrato una discordia promettente. Le prudenze sono saltate (persino Cuperlo ha detto una parolaccia), ma chi si aspettava un Renzi pentito di aver cercato i voti a destra e averli persi a sinistra ha sbagliato tutto. Il giovane emerito ha ribadito che il torto è degli altri e se n'è andato gesticolando contro gli oppositori, senza ascoltarli. Come ha notato Zingaretti (chi non sa ascoltare, non è un buon leader), che sapendo di dover concedere l'amnistia ai renziani quando sarà segretario, è rimasto in disparte per non esacerbare gli animi. Di idee forti per recuperare l'elettorato storico, neanche mezza. E invece sarebbe stato il caso di riposizionare il partito almeno su alcuni punti di forza: come per esempio una gestione dei flussi migratori più avanzata, la tassazione delle rendite e lo sgravio del lavoro, la lotta alla corruzione troppo blanda in passato, investimenti per ammodernamenti