nandocan.it
Cinquestelle, un canguro e la mina Bagnasco. Con I Tg di mercoledì 17 febbraio |
Sembra che ieri il gruppo Pd del Senato abbia confermato la decisione di non cedere alla pressione dei centristi e dei cattodem per lo stralcio delle adozioni e andare avanti con il ddl Cirinnà. Con l'obiettivo di approvare la legge e far sciogliere dall'aula il nodo dell'articolo 5 sull'adozione del figlio del partner (stepchild adoption). Benissimo. Purché, però, lo scioglimento di questo nodo avvenga con voto palese. E' tempo che i parlamentari si convincano che il voto segreto è diventato, a meno che non si tratti di voti sulle persone, un modo inaccettabile di sfuggire alla propria responsabilità di fronte agli elettori. Il divieto del vincolo di mandato previsto dalla Costituzione può richiedere in casi come questo la libertà di coscienza, non che i cittadini siano tenuti all'oscuro del comportamento dei loro rappresentanti in tutte le scelte che li riguardano. Solo chi fa del mandato parlamentare una carriera e una sistemazione può permettersi di obbiettare che l' argomento non