vulca

Vulca (attr.)

Apollo e Ercole di Veio

Fine VI sec. a. C., dal santuario di Portonaccio presso Veio, ora al Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia, Roma

Terracotta dipinta, altezza m 1.80 ca.

-

Oggi annamo a illustrà n’opera dell’Etruschi, che in pratica ereno un popolo de supertruzzi lazziali, nonché daa Toscana der Sud. Ho detto truzzi perché oggi uno dice Lazio, Toscana, e pensa campagna, caciotte, fiaschi de vino. Che buttelo via, vojo dì. Ma in reartà l’Etruschi ereno un popolo un botto raffinato, de granne curtura e de na certa rilevanza, anche se a tutt’oggi ancora in parte misterioso, soprattutto perché nun riuscimo a legge quasi na mazza de quello che hanno scritto. Cioè aspè, a legge ‘o sapemo legge, perché l’arfabeto è greco, solo che nun ce capimo na ceppa. Arcuni hanno difficortà a capì sto concetto, dice “ma come, ‘o sapemo legge ma nun ‘o riuscimo a capì? Com’è possibbile?”, e io je risponno che è come si piji un giornale polacco, e leggi -magari farai quarche erore de pronuncia, - però tiè “Zwycięstwo PiS nie powinno nam przysłonić porażki państwa”. Ecco, letto. Sì: ma che vor dì? Boh. (Ovvio che se sai er polacco nun vale. Ovvio che manco vale aprì Gugol Translate, che all’epoca nun c’era).

Pe ‘e statue però nun c’è bisogno de legge, e poi si ciavessimo dubbi pure qua ce viè in aiuto ‘a curtura greca, che questi sò Apollo e Ercole: che l’Etruschi mica staveno su ‘a montagna der sapone coll’anello ar naso: commerciaveno e giraveno e chii greci ciannaveno a pranzo cena e colazione.

E ste statue sò belle davero, belle toste e belle dettajate, fatte pe esse viste dar basso che staveno sur cocuzzolo de un tempio, sopra ar tetto; e cianno pure ancora er colore, che ‘e statue anche greche o romane ereno tutte dipinte, puro quelle de marmo, solo che essenno colori no chimici per lo più sò spariti.

E quinni ecco qua er mito greco de Ercole, o Eracle si volessimo esse puristi, che pe una dee sue dodici fatiche doveva da rubbà na cerva co ‘e corna d’oro, che era proprietà de Artemide. Lui ‘a rincore pe ‘n anno e aa fine ‘a becca che sta a beve a un fiume, e pe nun faje male je ferisce na zampa, ma poi j’aa cura, e saa porta via. Artemide cor fratello Apollo l’incontreno caa cerva in spalla e lei je fa “Aho abbello ma che te stai a rubbà ‘a cerva mia? Arimettila giù subbito che te tajo ‘e braccine”. E anfatti vedi Apollo che “aho ma che stai a mancà de rispetto a mi sorella, a buzzurro, nun te devi permette” e je sta a partì coo scatto in avanti tipo “te dico fermete”.

Ma Ercole joo spiega “nooo, boni, nun ate capito, io nun è pe me, sò pure vegetariano io, è che je ‘a devo portà ar capo mio che m’haa chiesta pe vedè si ero bono, però dopo ‘a libero, giuro”. E così fece. E quinni un mito sponsorizzato VuVuEffe, che pe l’epoca è na rarità. Bravo Ercole, nessuna cerva è stata martrattata nell’elabborazzione de sto mito.

anonymous asked:

Hindi ko siya maintindihan. He likes me daw pero wala siyang balak manligaw sa ngayon dahil kakabreak lang nila ng ex niya 4 months ago?! Anong ibig sabihin nun atey. Please enlighten me.

Hindi nya lang masabi ate girl na Ayaw ka nyang mawala gusto nya may kaflirt sya habang nag momove on sya. Siguro mga mala Vulca seal ang peg mo na very layt lang. Hindi naman sa panakip butas (siguro?) Pwro ayaw ka nyang mawala sa kanya.