visoe

Mi sono fatta bella
mi sono vestita in modo carino
truccata con cura
sistemata i capelli
messo lo smalto rosso sulle unghie
e mi sono guardata allo specchio pensando di essere bella
il tutto per esserlo davvero
e il tutto per te.
Ma tu mi hai guardata come mi guardi sempre
come mi guardi in pigiama
mentre mi lavo i denti
mentre mi tolgo il trucco
o quando sono già senza
mentre rido e piango senza
l'infima consapevolezza del mio aspetto.
Mi hai guardata come mi guardi quando ho le unghie rovinate e mangiucchiate
quando ho la febbre alta e il viso pallido e stanco
quando apro gli occhi appena sveglia
e quando li chiudo stanca per addormentarmi accanto a te.
Mi sono fatta bella pensando di non esserlo
pensando di dover ricorrere ad altro per sembrarlo anche solo marginalmente
e quel giorno mi hai guardata e mi hai detto
“Sei bellissima”
come hai sempre fatto.
Mi hai sfiorato le labbra con un bacio
mi hai preso per mano
e mi hai allontanata da quelle convinzioni che mi tengono sveglia la notte
ed è per questo che
anche in quel momento
io ti ho amato
senza remore o paure, basta così poco
se ti ho vicino
e ti chiedo scusa di scrivere cose così stupide e di metterle
addirittura in versi
ma mi hai visto bella anche quando forse non lo ero
e ho pensato che era così importante e assurdo
da doverlo scrivere
e metterlo in versi
perché se fai di me poesia con uno sguardo
dovevo regalarti una poesia anche io.
—  Elinor Scoltock
La gioia più grande per un'amica è vederla felice. Io voglio rivederla con quegli occhi che brillano, con quel sorriso sempre in faccia, con quell'amore dentro di lei. Se lo merita. Quanto vorrei che tornassero insieme, splendenti com'erano prima. Mi ricordo lei, il suo viso quando ne parlava, il sorriso spontaneo, la gioia che veniva fuori da tutti i pori. Erano la soddisfazione l'uno dell'altra, l'unico vero amore giovane che abbia mai conosciuto. Queste relazioni restano sempre un po’ incastrate dentro, e chi lo sa’, il destino potrebbe decidere di rimetterli sulla stessa strada, più innamorati. Più forti.
Se invece non dovesse farli rincontrare, resteranno sempre uno dei loro più bei ricordi. Si faranno una nuova vita, nuovi amori, nuove passioni, il loro cuore continuerà a battere, ma per qualcun altro, pur lasciando sempre uno spazio in memoria dei momenti insieme. Certe persone nascono per stare insieme, sta a voi scoprire chi è la vostra.
—  ..❤️🙈

anonymous asked:

Sai, il tuo aspetto non corrisponde al tuo carattere, ti immaginavo diverso. Hai un viso quasi da bambino, cioé sembri più ingenuo e debole di come sei in realtà..

Mai farsi ingannare dalle apparenze.
Come le persone che si presentano a te in maniera molto semplice, facendoti diventare parte della loro vita, come anche più semplicemente degli amici, e poi sono i primi che ti sparlano.
Per questo non ne ho tanti e non ne voglio nemmeno avere.

Pare che ultimamente io abbia la stessa maturità di quando, da piccola, mettevo il muso perché al parchetto entrambe le altalene erano occupate da altri bambini, e la profondità di una pozzanghera, a Ferragosto, in Sardegna. In realtà sto cercando di fare buon viso a cattivo gioco, di prenderla con filosofia, di tenere duro e continuare a sperare in tempi migliori anche se sinceramente ho dimenticato l'ultima volta in cui ho provato un sentimento anche lontanamente simile non dico alla felicità ma alla serenità. Stamattina mi sono alzata con gli occhi rossi e gonfi e sono sicura di non aver bevuto niente ieri notte.

anonymous asked:

Vorrei sapere la storia tra te e il tuo ragazzo

Come tutte le grandi storie d'amore, la nostra iniziò nel momento sbagliato.
Da un po’ di tempo, alla fermata del pullman, vedevo un ragazzo che assomigliava tanto al sole. Aveva il viso ricoperto di costellazioni e i capelli mi ricordavano il tramonto. Non gli parlai, forse per orgoglio, forse per timidezza. E lui non mi guardò mai, nemmeno una volta.
Passarono mesi, e dimenticai quel ragazzo. Un giorno io e la mia migliore amica uscimmo prima da scuola, e lei mi costrinse ad uscire con dei suoi amici. Saltai un battito quando vidi il Sole, in mezzo a quei ragazzi. Andammo in un bar, e io non parlai mai. Nemmeno una parola. Io che sono un uragano di parole, me ne stetti zitta. La mia migliore amica capii che mi piaceva, e mi fece uscire con loro più spesso. Lui non sembravo affatto interessato a me, non mi guardava, non mi parlava.
Poi, in una giornata di giugno, restammo tutti insieme in una casa fuori città. C'era anche lui. Mettemmo la musica, quando iniziò good riddance io dissi “amo questa canzone” e lui disse “anch'io”. Così iniziammo a parlare di musica, a scherzare, a ridere. Il giorno dopo gli scrissi io, e uscimmo insieme ogni sera.
Una settimana dopo, il 14 giugno, lui mi suonò “good riddance” alla chitarra. Quel giorno ci mettemmo insieme.
Passammo due mesi fantastici. L'estate più bella della mia vita. Per la prima volta mi sentii amata, amata davvero.
Ad agosto, però, io dovetti andarmene. I miei genitori avevano deciso di ritornare in Albania. Nessuno può immaginare quanto mi fece male quella decisione. Impacchettai la mia vita e me ne andai, con le lacrime agli occhi.
Salutai il mio Luca, la mia migliore amica e alcuni altri amici. Il momento più difficile della mia vita.
Ma i grandi amori non si arrendono subito. Parlavamo ogni giorno, ci sentivamo su Skype. Finché non riuscimmo a vederci di nuovo. La nostra storia continuò ed io imparai ad amarlo da lontano.
Sono passati due anni e ci amiamo ancora, più del primo giorno. Tra una decina di mesi sconfiggeremo la distanza una volta per tutte. Non ci diremo più “addio” ma solo “buonanotte”.

Non conta la distanza, chi ama un modo lo trova.

Evening shadows #3


Urgenza d’urlare

sedare urti scalfiti di sorde derive

- radici sterili

gioie abortite

E’ esigenza di credere

ancora

che esista uno spazio

una stanza

un pensiero fecondo che 

bruci il disordine ai miei desideri

Le mie debolezze i tuoi rancori

queste mie braccia assetate sui sentieri della sera

Arginare i rimpianti

i nostri ieri

credere all'evidenza della tua indifferenza

per non morire

per non più arrendermi alle lusinghe delle illusioni

 Fluire io stesso nell'assenza

nel non averti mai incontrata

cancellando il tuo viso

i tuoi respiri

confondendo i tuoi occhi

con il richiamo della notte



words and photo Gaetano Pezzella

Ti amerò per tutta la vita. Non smetterò mai di farlo. Un giorno quando saremo grandi magari ci rincontreremo, forse non ci riconosceremo, ma capiremo quando ci passeremo accanto e il cuore ci batterà forte. Avremo vite diverse, lontane. Ma ci ameremo per tutta la vita. E se quel giorno ci rincontreremo penseremo a quei giorni che abbiamo vissuto insieme col sorriso sul viso e la tristezza sul cuore.
—  unfruscionelvento
2

Il miglior acquisto dell'estate, in assoluto, è questo vestito. Quando l'ho visto ho pensato subito che doveva essere mio e, frenata un po’ dal prezzo, non sapevo se provarlo ma l'ho provato ugualmente. Per fortuna ho perso, in due/tre mesi, quei 6/7kg che avevo in più da tanto tempo perché altrimenti non l'avrei potuto indossare, visto che le taglie erano tutte piccole. La mia tiroide funziona quando gli va e mi sa che sta contribuendo sul mio peso tantissimo, ha contribuito quando sono aumentata e sta contribuendo nella perdita. Yeah!
Eniuei, ero a fare shopping con mio fratello, il quale non si fa alcun problema a dirmi se una cosa mi sta bene o male, e quando l'ho indossato ha approvato e mi ha spinta ad acquistarlo. Mi piace tantissimo, fa proprio per me, per il mio viso da bambina pur essendo old inside (e non solo). Mi trasmette leggerezza e spensieratezza, mi fa pensare alle gite in bici e ai picnic sull'erba (vedi seconda foto).
Io non lo so com'è questa cosa dello shopping terapeutico, ma funziona davvero. Non so cosa scatta nel cervello di noi donne quando troviamo un capo che ci piace tanto, fatto sta che tutto ciò ha tante cose positive. Per es., di positivo ha che se compriamo qualcosa per noi, se riusciamo a sorridere davanti allo specchio per un vestito che stiamo indossando, vuol dire che in quel momento ci stiamo guardando con gli occhi giusti.
Comunque io sto andando al mare, il flash non rende!

Spesso vi rendete disponibili solo per chi, alla domanda “come stai?”, risponde continuamente “sto male”
Ma vi siete mai soffermati sullo sguardo delle persone che ogni giorno rispondono “sto bene, grazie”, magari cambiando subito discorso? Quelle persone che sospirano di continuo e che hanno sempre gli occhi puntati verso il basso.
Quelle persone che sorridono di continuo, che hanno la risata sempre pronta. Vi siete mai soffermati sui loro occhi?
Sappiate che non c'è cosa più brutta del vedere un viso che sorride e due occhi colmi di lacrime trattenute alle ciglia.

E così torno ad assistere allo spettacolo del mondo
lo spettacolo sempre sempre uguale.
  Vita vita tremenda
che mi agitavi in un dolore ardente
e mi sconvolgevi nel cuore
ogni goccia di sangue,
in una pienezza indicibile,
che mi mutava il colore la voce e fin gli ultimi gesti
ad ogni apparire leggero
dei suoi occhi profondi,
scuri cupi,
perduti
nel viso pallido triste
sotto la lieve nuvola bionda,
fragile come il suo corpo,
dei tenui capelli evanescenti:
vita vita di sogno
perché ti sei spenta
così nel mio cuore?
—  Cesare Pavese, [Al lento vacillare stanco]