vertici

storiedicoaching.com
Spettatori o protagonisti?

External image
“Rimanere così, sperando sempre che qualcosa cambi e senza far niente per cambiare”.

Quando ho letto questa frase, mi sono incupita. Sono un po’ troppo empatica, lo so. Ti ho immaginata seduta, ad aspettare. Come se stessi guardando uno spettacolo, senza renderti conto che assistevi alla tua vita.

Io capisco che non tutti abbiamo l’ambizione di raggiungere i vertici, di qualsiasi settore della vita si tratti. Non dobbiamo diventare tutti dei Michael Jordan del basket, nè gli Einstein della scienza. Capisco e rispetto queste scelte.

Quello che non capisco è la delega. Si delega ciò che può essere fatto da qualcun altro. Lo si fa perchè quella persona (che abbiamo scelto) può fare quella cosa meglio di come faremmo noi… oppure perchè noi stessi dobbiamo dedicarci ad altre funzioni, prioritarie.

La tua frase è una delega in bianco della vita. Come sai che le cose cambieranno positivamente? E se cambiassero negativamente? Chi approfitterà della delega che gli hai dato? E in che modo? Come ti tratterà? Che cosa ti fa pensare che sia meglio aspettare, invece di intervenire per cambiare ciò che non ti piace?

(continua)