vattinni

“Non tornare più, non ci pensare mai a noi, non ti voltare, non scrivere.
Non ti fare fottere dalla nostalgia, dimenticaci tutti.
Se non resisti e torni indietro, non venirmi a trovare, non ti faccio entrare a casa mia.
O’ capisti?
Qualunque cosa farai, amala, come amavi la cabina del Paradiso quando eri picciriddu”.

Nuovo Cinema Paradiso (Giuseppe Tornatore, 1989)

TAROCCHI SICILIANI - L’AMORE

Si tinni vai, chi ni resta i mia ?
dimmi tu comu campu e picchì?
Senza i to occhi c’ avi chiu valia
cu purria ridammi quantu piddi?

Non ti desi nu cori, ma na vita
tu mi dasti sulu na primavera
giucai piddennu sotti e pattita
vincisti, ma non fusti mai sincera

L’uttima prova chi ti pozzu dari
puru si mi nchiudo nto me infennu
è apriri i mani, lassati annari
puru si haiu soffriri pill’etennu

Nun ama cu poi cianci quantu dugna
o cu ci scrivi frasi ad effettu
e poi jestimannu ci dugna pugna
scudannu sia i baci cu  rispettu

Si, t’amai, e ora t’amu chiossà
nte to occhi ceccu l’amuri toi
ma trovu sulu quantu nun ci stà
picciò pigghia a strada chi tu voi

strazza stu cori, saluta e vattinni
scurri, lassami cu quantu tu nun senti
a pinsari a st’amuri, a comi vinni
a comi i coppu divintoi nenti

Orbu nascì e poi visti a luci
e quannu avia ogni gioia e sapuri
piddì a tia e ogni cosa chiù duci
ridiventai obbu senza nu valuri.

Ora tuttu stu paisi pari vacanti
nta sti stradi chi mi parranu i tia
pari  fantasma e sti vessi e canti
nun sannu cacciare a to mavaria

Se te ne vai, cosa resta di me? dimmi come vivrò e perché? Senza i tuoi occhi chi avrà più voglie, chi potrebbe ridarmi quanto ho perso?
Non ti ho dato un cuore, ma una vita, e tu mi hai dato una sola primavera, ho giocato, ho perso il mio destino e la partita, hai vinto tu che non sei mai stata sincera.
L’ultima prova che posso darti, anche se mi chiudo nel mio inferno, è aprire le mani e lasciarti andare, anche se soffrirò in eterno.
Non ama chi rimpiange quello che da, o chi scrive frasi ad effetto, e poi bestemmiando tira pugni, dimenticando sia i baci che il rispetto.
Si, ti ho amato, ed ora ti amo di più, e nei tuoi occhi cerco il tuo amore, ma cerco solo quello che non esiste, perciò, prendi la strada che vuoi.
strappa questo cuore, saluta e vattene, scorri via, lasciami con quanto non senti, a pensare a quest’amore, a come è nato, a come di colpo è diventato niente.
Sono nato cieco e poi ho visto la luce. e quando ormai avevo ogni gioia e sapore, ho perso te ed ogni altra cosa più dolce, sono ridiventato un cieco senza nessun valore.
Ora tutto questo paese sembra vuota e in queste strade che mi parlano di te, sembri un fantasma e questi versi e canti non sanno cacciare il tuo incantesimo.

If you go, what is left of me? tell me how I will live and why? Without your eyes, who will most desires, who could give me back what I lost?
I did not give you a heart, but a life, and you gave me just one spring, I played, I lost my fate and the game, you won because you have never been sincere.
The last test I can give you, even if I close in myself in a hell, is to open my hands and let you go, even if I suffer forever.
Does not love those who regret what he given her, or who writes smart phrases and then swearing he pulls punches, forgetting both kisses and respect.
Yes, I loved you, and now I love you more, and in your eyes, I look for your love, but I only seek what does not exist, therefore, take the road you want.
tear this heart, say hello and go, run away, leave me with what you do not feel, let me thinking about this love, how it was born, how suddenly it has become nothing.
I was born blind and then I saw the light. and when I had all the joy and the flavor, I lost you and everything else sweeter, I became a blind without any value.
Now all this town seems empty and in these streets that talk about to you, you look like a ghost, and these verses and songs do not know how to break your spell.