valor personal

Smettila di misurare il tuo valore da quante persone si sono allontanate da te. Non sei ancora andato via da te stesso. E questo è ciò che conta davvero.
—  sognatricedistelle
4

today is exactly one year since i started playing pokemon go, my local gyms are in harmony, and ive grabbed myself some celebratory pikachu and raichu

i know it’s ‘uncool’ now, but like.. not to be Dramatic™, but this game is the only thing that could get me out of bed last year and i owe it a lot

ty and happy anniversary pokemon go

Pokemon Go rant...

Okay, honestly, wtf?

I’m on team Valor. I chose Valor because Pokemon Red was the first video game I ever actually played and beat on my own, and I was feeling very nostalgic when I got lvl 5 and was given the choice of a team. Here I was 22 years old, and basically (kind of) living the dream I had since I was 5 years old.

Now, I got so into it. I bought a Valor shirt that had my trainer name on the back, and I like to wear it when I go play.

However, the times I’ve worn it out, I have been called Valor trash, have been told to just leave, and basically made to feel terrible about myself by Instinct and Mystic players.

The worst was when I showed up to the special screening of Pokemon the First Movie at a local theater. I walked in and was booed and told to leave. All I wanted was to enjoy this movie that I had seen as a little girl in the theater again. Something I never thought would happen. I felt terrible the entire time I was there.

Like, I know there have been team rivalries, and that Valor were supposedly assholes at the beginning, but… This has to stop.

I don’t know what else to say, and I don’t want to sound like I’m whining. But, I’m a nice person, and I just want to enjoy playing Pokemon. I would never make anyone feel bad for whichever team they chose.

So, I guess my PSA is: Disturb not the harmony of Fire, Ice, and Lightning.

Let’s just have fun.

Sii ambizioso. Combatti.
Non dimenticarti di essere felice.

Sembrano frasi fatte, lette e rilette un milione di volte.
Quando riuscirai a scoperchiarle e a farle tue, faranno più male di un colpo in pieno volto e le odierai.

Sarebbe meglio non avere sogni, aspirazioni, desideri; sarebbe meglio vivere con disinteresse. Accontentarsi.
Non essere intimorito dalla paura, prima o poi busserà alla tua porta.
Non scegliere di vivere di mediocrità, ti divorerà prima che tu te ne accorga.

Scrivi i tuoi sogni, raccontateli ogni fottuto giorno; non aver paura di fare qualche follia, i rimpianti faranno più male.

Chiudi i libri, quelli che ti parleranno con saccenza pur non sapendo nulla di te e che crederanno di insegnarti la vita da pagina 40 a pagina 73.
La vita è lì fuori e a volte non è nemmeno tanto dolce.
Riapri il libro quando sentirai di aver toccato il cielo o di star bruciando dentro, ma a quel punto non avrai più voglia di leggerlo e sarai tu a voler scrivere.

Circondati di persone di valore, non di qualche buffone che cerca adulazione per rimediare al proprio sconforto interiore.
Segui coloro che ti ispirano e che hanno una buona parola per te.
Capirai che se a qualcuno è andata sempre bene, molti altri hanno dovuto rimediare la riconoscenza della vita a furia di porte sbattute in faccia, eppure ce l’hanno fatta e non si sono ancora arresi.
Capirai che la tua storia non è nemmeno così speciale.

Sappi che per ogni scelta che fai c’è una strada da percorrere e nessuno può dirti se è quella giusta.
Qualunque sia la tua scelta, ogni strada presa è meglio dell’inerzia.

Alcuni ti scoraggeranno ma nessuno conosce i tuoi sogni meglio di te stesso.

Non aver paura di dar fiducia agli altri, ma abbi sempre più fiducia in te stesso, perchè quando ci sarà bisogno di ricominciare, l’unica testa che non dovrà cadere sarà la tua.

Non aver paura di chiudere la porta a qualcuno o a qualcosa, non aver timore di rinunciare a rapporti ormai saturi, dove a vincere è solo l’abitudine mentre perdi pezzi poco alla volta.
Il mondo emana un’energia misteriosa, coglila.

Fallisci. Imponiti di fallire. Provaci.
Molti ti faranno sentire il più grande pezzo di merda sulla terra quando fallirai, non aspettano altro, ma vedrai che quelle voci arriveranno da persone che non contano nulla e che non hanno mai fatto niente di buono nella vita.
Il fallimento ti permettere di apprendere. Vuoi perdere questa occasione?

Sorridi, sii felice.
Non c’è nulla che faccia arrabbiare di più i tuoi detrattori.
Molti ti odieranno per la tua ambizione, e ti farai molti nemici tra i mediocri e gli insoddisfatti, ma altri ti seguiranno.

Non smettere di combattere quando troverai slealtà, arroganza o indifferenza. Vai avanti, lavora di più e meglio.

Non domandarti troppo il perchè delle cose, molte cose accadono senza ragione. Domina le conseguenze.

Viaggia. Non rimandare.
Con un paio di birre in meno al bar con i tuoi amici avrai pagato un volo; non avrai un resort ad attenderti ma avrai la vita.

Coltiva nuovi punti di vista. Parla con la gente. Ascoltala.
Non sei una star e neanche un represso emarginato, impara a stare con tutti e allo stesso modo.

Forse c’è sempre una seconda possibilità ma non rischiare.
Fai ciò che senti. Subito.
C’è quella donna che ti piace, vai. C’è un’opportunità di lavoro, coglila.
Non rimandare la tua vita.

Non avere paura di condividere la tua felicità con una donna.
Non avere paura di dire a te stesso che ora hai bisogno di lei.
Amala ma con amore, non per colmare i tuoi vuoti.

Senti il suo profumo, la sua voce, accarezzale i capelli, stringile le mani, mischiati con lei, guardate assieme il cielo.
Vai con lei a Roma, Venezia, Parigi, ma portala anche dove nessuno la porterebbe. Non attendere.

Sii te stesso, sii interessante. Innovati.
Non aver paura dei cambiamenti, se la tua vita fa schifo è perché non fai nulla per cambiarla se non sempre le stesse cose.
Ascolta te stesso, chiudi gli occhi, accetta quando è ora di cambiare aria.

Cerca persone come te, con i tuoi stessi obiettivi, la tua fame, i tuoi interessi.
Non temere le relazioni sociali, non ascoltare chi dice che stare da soli è meglio; sii socievole con tutti, ma preserva la tua individualità, ciò che ti rende unico, ciò che sei.

Ascolta molta musica ma se ne hai voglia non aver paura di comprare un biglietto per un concerto e canta, vedi film, leggi, studia, fai sport e riposa bene.
Non definirti mai in nessuna di queste cose, fai di tutto il tuo io, ma ama qualcosa in particolare.

Sii astuto, valuta, agisci d’impulso, prendi fiato e non agire più d’impulso, quando sei nervoso fai lunghe passeggiate o corri, e se qualcosa ti devasta dentro non aver paura di mostrarti alle tue sofferenze.

Stai vivendo.

Quando mostri le tue debolezze c'è chi ne approfitta e chi se ne prende cura. È così che conosci il valore delle persone.