tu me tues

Sono lunatica, e sbaglio troppe volte. Quando ti parlo, non riesco a trovare le parole.
Dico di non aver bisogno di niente, ma a volte avrei solo bisogno, di qualcuno che mi tenga la mano.

10.50 am.

Mi vuoi?
Mi vuoi con i miei mille sbalzi d'umore al giorno?
Mi vuoi con le mie insicurezze?
Mi vuoi con i miei “vaffanculo, lasciami sola.”?
Mi vuoi con tutti i miei momenti no?
Mi vuoi con la mia gelosia?
Mi vuoi con il mio bisogno di attenzioni?
Mi vuoi con tutte le barriere che ho?
Mi vuoi con tutto il marcio che c'è?
Mi vuoi con tutti i chilometri che ci separano?
Mi vuoi con il mio aver bisogno di te?
Mi vuoi davvero?
E ti prego,
Se davvero mi vuoi,
Vienimi a prendere,
Tienimi,
Tienimi stretta,
Tra le tue braccia,
Tienimi
Che è tutto ciò di cui ho bisogno.
Non lasciarmi andare,
Almeno tu non farlo.

Sei accanto a me
ma io non posso vederti
posso solo udirti e ridere con te.
Le tue parole mi guidano
sei importante per me
non posso pensare che tu te ne vada
né che ti debba allontanare da me.
Guardami con altri occhi
e’ questo che bramo,
respirami
come le mie narici si riempiono di te
stringimi
e non lasciarmi allontanare piu’.

fa male rileggere le nostre conversazioni. abbiamo parlato ogni giorno per un anno, eri l'unica persona a cui riuscivo a dire di tutto e ti avrei detto molto di più. avrei ascoltato tutto quello che avevi da dire, perché è ciò che ho sempre fatto. ho sempre cercato di aiutarti.

perché hai smesso di rispondere? perché hai pensato che non meritassi una spiegazione a questo gesto? se proprio volevi voltare pagina, perché non dirmelo e basta? avrebbe fatto meno male che essere abbandonato in questo modo, cancellato dalla tua vita, come se fossi diventato invisibile all'improvviso.

Et tu sais, ce qui me tue, c'est que je sais que tu ne m'aimes pas autant que moi. Si je pars demain, tu ne pleureras pas. Je ne te manquerais pas. Tu dormiras bien la nuit. Tu rencontreras une autre fille, et tu seras heureux.
Alors que moi, moi, je serais brisée, en mille morceaux. Et j'en ferais des cauchemars de ton départ, j'en verserai des larmes si tu savais.
Voglio che esci con gli amici per qualche drink e che mi chiami il giorno dopo e mi inviti a casa tua, quando ti farà male la testa e vorrai solo stare a letto. Voglio che rimaniamo abbracciati, per ore, solamente per sentire l’odore della nostra pelle. Voglio parlare con te la mattina. Di qualsiasi cosa. A volte invece, voglio che ognuno faccia la sua vita.
Voglio che mi racconti delle volte che sei uscito con i tuoi amici. Delle ragazze che ti piacevano. Voglio che mi mandi qualche messaggio quando non stiamo insieme, anche un testo senza senso, solamente per sapere che anche tu mi stai pensando.
Voglio che ridiamo quando facciamo l’amore. Che sperimentiamo cose nuove, per poi scoppiare a ridere perchè tutto ci sembra tremendamente ridicolo. Voglio che quando siamo in viaggio da qualche parte, mi prendi la mano e mi porti in una stanza d’hotel solamente perchè non puoi più resistere alla voglia possedermi, perchè mi desideri qui e adesso. Voglio dover resistere con tutte le mie forze per non gridare, perchè ci sarebbe troppa gente che potrebbe ascoltarci.
Voglio cenare con te. Voglio che mi racconti cosa pensi di me e dirti cosa penso io di te. Voglio discutere sulle cose che sarebbe meglio fare: vivere qui o all’estero, prendere casa in città o in mezzo alla natura. Voglio parlare della casa dei nostri sogni, non importa se è presto e se non sappiamo nemmeno se andremo mai a vivere insieme. Voglio che mi racconti come te la immagini, cosa ci vorresti dentro. Voglio che mi racconti dei tuoi sogni e progetti. Voglio che mi sorprendi un giorno dicendomi: “Prendi il passaporto, andiamo!”.
Voglio sentire il sapore dell’adrenalina. Fare cose che non farei con nessun’altro al mondo perchè mi fido solo di te. Voglio uscire da sola, e ritornare a casa da una festa camminando a stento. Voglio che tu sia la persona che mi apre la porta e mi riceve con un bacio, che ti sdrai su di me come fossi il tuo cuscino e che ti addormenti sul mio corpo eccitato, avvolgendomi in un abbraccio confortante.
Voglio essere sicura che tu possa vivere la tua vita pur standomi accanto. Che ti senti libero di andare via un paio di settimane. Che mi lasci sola, ad annoiarmi, aspettando con ansia un messaggio o un segnale di ritorno.
Non voglio che mi inviti a tutte le feste dei tuoi amici. Nemmeno io lo farò con te. Possiamo vederci il giorno dopo e raccontarci come è andata.
Voglio che sia semplice, ma non troppo. Voglio che ci siano sempre delle domande. Ma non vorrei mancassero mai le risposte. Voglio che tu mi veda bella e che mi presenti ai tuoi amici orgoglioso di essere il mio ragazzo. Voglio sentirti dire che mi ami e soprattutto poterti rispondere con le stesse parole. Voglio che mi guardi quando cammino e vederti arrossire quando mi accorgo che stai guardando il sedere.
Voglio fare programmi anche se nessuno dei due sa se tutto questo durerà. Voglio che la nostra sia una relazione libera, ma basata sul rispetto. Non importa se scherzi o chiacchieri con le altre, l’importante è che la notte la passi con me. Perchè il mio unico desiderio quando usciamo è tornare a casa insieme. Voglio essere la persona accanto alla quale desideri svegliarti la mattina dopo. Quella che non vuole starti vicino quando lavori e che adora quando ti assenti, immerso in una canzone che ti piace. Quella che non pretende vivere la tua vita. Voglio che viviamo esistenze separate l’uno a fianco dell’altra.
Un giorno ti incontrerò.
—  Isabelle Tessier
Je te rencontre. Je me souviens de toi. Qui est tu ? Tu me tues. Tu me fais du bien. Comment me serais je doutée que cette ville était faite à la taille de l´amour ? Comment me serais je doutée que tu étais fait à la taille de mon corps même ? Tu me plais. Quel événement. Tu me plais. Quelle lenteur tout à coup. Quelle douceur. Tu ne peux pas savoir. Tu me tues. Tu me fais du bien. Tu me tues. Tu me fais du bien. J´ai le temps. Je t´en prie. Dévore-moi. Déforme-moi jusqu´à la laideur.
—  Marguerite Duras, Hiroshima mon amour

Vorrei star li con te, abbracciati davanti il camino, sul divano, con te che mi fai i grattini ed io che ti riempio di baci 🐭💘

Savoir que tu l'aimes me rend tellement triste.
Savoir que tu l'aimes plus que tu m'as aimé me brise le coeur.
Savoir que c'est ton premier amour, que jamais tu pourras m'aimer autant que tu l'aimes me tue.
C'est l'espoir qui me tue. Tu fais rien pour m'avoir mais tu ne fais rien pour que je t'oublie. T'es là tu fais ta vie, parfois tu m'ignores et parfois j'en fais partie.
Je te rencontre.
Je me souviens de toi.
Qui es-tu?
Tu me tues.
Tu me fais du bien
Comment me serais-je doutée que cette ville était faite à la taille de l'amour ?
Comment me serais-je doutée que tu étais fait à la taille de mon corps même ?
Tu me plais. Quel événement. Tu me plais.
Quelle lenteur tout à coup.
Quelle douceur.
Tu ne peux pas savoir.
Tu me tues.
Tu me fais du bien.
Tu me tues.
Tu me fais du bien.
J'ai le temps.
Dévore-moi.
Déforme-moi jusqu'à la laideur.
Pourquoi pas toi ?
Pourquoi pas toi dans cette ville et dans cette nuit pareille aux autres au point de s'y méprendre?
Je t'en prie…
—  Marguerite Duras - Hiroshima mon amour

anonymous asked:

*arrive en moonwalk* Du coup j'ai réfléchi et si on a McDo et M&M's est-ce qu'un triangle amoureux ou un OT3 avec EM/MV/JT ça s'appelle un McFlurry ? Parce que c'est au mcdo mais on peut mettre des m&ms dedans.

Nonny *moonwalk* is back! Tu me tue à chaque fois avec tes réflexions de génie, mais écoute ton ot3 m'intéresse bien x)
McFlurry ship is coming