trota lacustre

Trote lacustri a mosca...non si prendono

La storia me l'aveva raccontata almeno una ventina di volte.
<< Ti ho mai raccontato, Alberto (mi chiamava sempre così), di quella volta che al lago con il galleggiante ho preso una trota enorme, due chili e mezzo>>.
Ovviamente la circostanza imponeva che il nipote facesse finta di non aver mai ascoltato la storia e sforzandosi di fare un'espressione ogni volta più meravigliata si apprestava ad ascoltare con pazienza amorevole il racconto << No, nonno, ne hai pescata una davvero così grande?>> <<…faceva dei salti alti così…ed ero senza retino… e Tonino è sceso in acqua fino alla cintola per tirarla su…>> . Come potevo negare al mio caro nonno l'emozione di raccontarmi ancora una volta la sua cattura più importante? E mi sedevo accanto a lui che si sbracciava mimando i gesti della cattura, i salti del pesce che si divincolava nell'aria a più di venti metri dalla riva e infine le mani che indicavano la lunghezza della trota che racconto dopo racconto lievitava un pochino… << alla fine l'ho portata al ristorante in riva al lago e me l'hanno cucinata il giorno stesso…buonissima>>…
Questo aneddoto mi è ritornato alla mente oggi, quando con Marco sono tornato nello stesso lago dove nonno Mario aveva pescato il suo leggendario pesce.
Ho cercato di immaginarmi qualche scena di quell'epica battaglia con la trota che anno dopo anno mi veniva raccontata ogni volta che la famiglia si riuniva o che passavo a trovarlo nella sua casa in valpolicella.
Passeggiando sulle rive oggi mi sembrava di essere già stato lì, dove probabilmente Mario pescò (e gustò )la sua trota.
Il lago era lì, piatto, calmo, le montagne si specchiavano tranquille sulla sua superficie.

External image


Il cielo era coperto…coperto da una coperta grigia, rattoppata qui e la’ da nubi di diverso colore: alcune grigio scuro, altre bianche, altre nere ma non minacciose.

External image


Pioggerellina fitta ma non fastidiosa, che picchiettava in modo quasi impalpabile sull'acqua, smetteva un mezz'ora per poi ritornare a bagnare le nostre giacche.
Permesso n.4 e n.5, siamo tra i primi pescatori del 2012 che affrontano questo lago.
Ho la canna da spinning in macchina, ma la lascio all'asciutto: non c'è vento stranamente, oggi provo la lacustre a mosca.
Canna 9 piedi e sei, coda 8 intermedia clear, finale da 3,50 metri e zonkerino simpatia.

External image


Al terzo lancio colpo secco sulla coda e nel blu dell'acqua un lampo argento guizza fulmineo.: c'è!
Vola in aria, una, due volte.Sicuramente si slamerà, quando iniziano a saltare così va a finire che si slamano…tre,quattro.
Ma è un missile acqua aria?
No è una trota, e bella anche.
Chiamo marco che accorre e mi insulta: la prima volta che vengo a lacustri e per di più a streamer… e attacco subito un bel pesce.
E’ nel guadino dopo qualche attimo di agitazione perchè un nodo del finale a nodi mi si incastra tra gli anelli complicando il recupero.
Ma ormai la trota è nella rete: la prima dell'anno, la prima in lago.
La foto è “vintage”, in ricordo dei tempi passati.

External image


External image


Gioia allo stato puro…bisogna brindare, un goccio di grappa tanto per riscaldarsi anche se oggi, soprattutto dopo la cattura quasi istantanea, fa meno freddo del solito.
External image


Vediamo alcune trote girovagare a mezz'acqua non lontano dalla riva: sono attive e marco,che pesca a spinning, ha un paio di inseguimenti.

External image


Mi capita dopo una mezz'ora una seconda occasione d'oro, lancio da posizione sopraelevata e mi gusto la scena: lo streamer è a due metri da riva, la trota compare dal nulla, lo punta…no rifiuta, torna indietro, continuo a strippare lento… si rigira, torna alla carica, si ferma…siamo a mezzo metro da riva… se ne va… lo streamer è a 20 cm dalla sponda quando lei torna di colpo alla carica apre la bocca lo addenta e si gira di scatto per tornare in profondità… a questo punto il pescatore avrebbe dovuto attendere che il pesce si “autoferrasse” da sè tornando indietro con l'amo tra le fauci..invece per la frenesia dell'attacco più volte ripetuto e a vista sotto i piedi ferro d'istinto in lieve anticipo ma quanto basta per pizzicare la trota sul becco, pungerla ma slamarla purtroppo all'istante…
Questa è l'ultima emozione della giornata… il resto: lanci, lanci e ancora lanci nel blu…

External image


carlo alberto

gita parco laghi 2012

quarta volta a parco laghi per me…

quest'anno è l'anno dello streamer (per me) ed ho deciso di partire nella riserva fario con la 8'6 coda 5 e wolly bugger neri… catturando in ogni singolo lago… nel lago 4 non riuscendo ad avere cacciate sul mio streamer e notando evidenti ninfate sotto il pelo dell'acqua ho risolto montando delle spider e riuscendo a scappottare anche in questo laghetto…
ecco alcune foto della riserva fario, sempre rilassante la passeggiata e la pesca al suo interno..

External image

External image

External image

External image

External image

al lago lungo il venerdì nel primo pomeriggio notevole attività a galla ma non sfruttata a dovere in quanto ho perseverato a streamer realizzando un paio di pesci, salvo passare tardi alla secca con una fariona obesa che fragorosamente ha bollato sulla mia emergentona over size e mi ha portato a spasso un bel po’ la coda prima di arrivare alla foto:

External image

poi…poi…
lascio a riposo la canna da secca …

External image

External image

si ritorna a picchiare a streamer, aggancio un trotone da brividi ma mi si slama dopo un minuto, ma riesco ad attaccare un bel pezzo a una decina di metri da riva dopo averlo visto aggirarsi sotto la superficie e assistendo al suo attacco a vista sul mio wolly nero…ecco la steelhead di parco laghi

External image

External image

il secondo giorno avevo in programma di pescare al pontini, il mio lago preferito, ma arrivati sul posto notiamo subito che è altissimo e marron…proviamo qualche lancio di circostanza allenandoci un po’ con il froller ma dopo una mezz'ora si decide di ripiegare di nuovo al lago lungo…
dove però dopo pochi minuti inizia una pioggia…di artificiali che cadono da tutte le parti, rapala, ondulanti eccetera vengono scagliati in ogni angolo del lago mietendo vittime a ripetizione… la mattinata mi difendo discretamente a streamer pescando di fianco al dimi, a dade (che è in pole position nella garetta con una trota da 50 presa a ninfa sotto la cascatella)e andrea…prendo una trota iridea lobotomizzata che ha un evidente beccata sul muso, un'ottima lacustre sui 45 ma il pezzo migliore è un salmerino canadese di 54 cm misurati che mi farà arrivare a pari merito con andrea che ne cattura uno identico (misurato anche quello) pochi minuti dopo…
nel pomeriggio complice la stanchezza (lanciare con la coda 8 per diverse ore di seguito dopo un po’ stanca) passo alla ninfa leggerissima incannando tre piccole trotelle sui 30 cm, poi alcune bollate poderose a 20 metri abbondanti di distanza attirano la mia attenzione… monto finale dello 0,16, una elk hair caddis amo 8 e sparo praticamente tutta la coda (wf 5) arrivando quasi al backing a centro lago… una scia sull'acqua si avventa sulla mosca semisommersa, ho una piccola indecisione ma poi piazzo la ferrata… mi porta a spasso dei bei metri di coda e si tiene sempre tutto il finale sott'acqua, un pesce davvero impressionante che dopo un minuto di testate violente decide di slamarsi e farmi imprecare …
peccato, perdere un pesce del genere allamato a secca poi , mi ha fatto innervosire per bene…
le bollate continuano e nella stessa posizione poso di nuovo la mi sedgiona,un'increspatura a pochi cm mi fa intuire l'avvicinamento di una trota, colpetto leggero alla coda per dare un lieve movimento alla mosca e…viene inglobata da una bollatona … la ferrata è immediata, la mia ferrata all'indietro da me brevettata : con molta coda fuori, canna alta, due, tre passi indietro girandosi di spalle rispetto al pesce e strippando continuamente per mantenere la tensione…
questa volta va meglio, una lacustre che si aggira intorno ai 50 è il mio secondo pesce a secca del raduno…

External image

c'è ancora il tempo per qualche lancio a spinning di andrea che cattura tre trote di cui una over 50 quando tutti se ne sono tornati all'albergo, io mi godo le bollatone e i rifiuti a ripetizione delle trote che alla sera sono tornate in attività dopo il pomeriggio di fuoco…

il giorno successivo decidiamo che non vale la pena pescare per il terzo giorno e ci limitiamo a passeggiare al lago lungo assistendo a qualche cattura dei nostri amici…

External image

External image

ciao

carlo alberto