E ogni altra angoscia che ora par mortale,
di fronte al perder te, non parrà eguale.
—  W. Shakespeare, Sonetto n. 90

LETTERA A CHI HA PERSO L’AMORE:

Sarà difficile.
Nessuno ti ha mai detto che sarebbe stato facile. Ci hanno provato, ti hanno dato qualche pacca sulla spalla apostrofandoti con un deciso “la vita va avanti”, ma tu avanti non sei mai riuscita ad andarci.
Hanno provato a dirti che non hai bisogno di nessuno, che il mondo è pieno di gente migliore, che sei forte e troverai qualcun altro che saprà apprezzarti come meriti.
Ma tu non vuoi essere meritata da nessuno, non sei un premio da vincere, tu ti eri innamorata della sua imperfezione e dei suoi mille difetti.
Hai provato a chiedere aiuto. A telefonare ad un’amica nel cuore della notte. Lei ti ha ascoltata una volta, due, anche venti forse, ma dopo qualche mese ti ha urlato che è ora di smetterla, che stai gettando il tuo tempo dietro a un’illusione, che quella persona non tornerà più.
Tu sai che lei ha ragione e se qualche volta alza la voce è soltanto per il tuo bene, ma in quell’attimo l’hai odiata con tutto il tuo essere, e l’unica cosa che avresti voluto fare era proprio correre da chi ti aveva abbandonata perché sentivi che nessun altro al mondo ti avrebbe potuta capire.
Sarà difficile perché un amore non è una passeggiata, ci hai messo il cuore e l’anima, ti sei messa contro il mondo intero e alla fine hai perso la scommessa.
Non sai se ce la farai mai.
Certe sere ti sembra di non respirare. Certi giorni vorresti capovolgere l’universo e distruggere tutto ciò che vi divide.
In certi attimi la tentazione di correre a perdifiato verso casa sua o afferrare il telefono e chiamarlo è così forte che sei costretta a stringere i pugni e trattenere il respiro.
Certi ricordi fanno così male che preferiresti avere un coltello conficcato in una gamba piuttosto che una memoria tanto buona.
Certi volti per strada sono così simili al suo che vorresti inseguirli per tutto il giorno pur sapendo benissimo che si tratta di qualcun’altro.
E certe volte trovi una tregua, ti convinci che forse qualcuno migliore c’è davvero, che la felicità esiste anche tra due braccia sconosciute. Chiami l’amore a squarciagola affinché ti rapisca ancora e ti porti via, ma lui non ti ascolta. Il tuo cuore è incatenato e l’incantesimo non si decide a sciogliersi.
È difficile. Lo sai meglio di me quanto è difficile.
Ma difficile non vuol dire impossibile.
Vi siete vissuti. Siete stati una cosa sola. Anche solo per un secondo siete state anime gemelle. Avete sofferto insieme, riso insieme, mangiato insieme, camminato fianco a fianco.
Insieme.
Ha scelto te nella sua vita. Anche se poi ha cambiato idea, non dimenticarti mai che almeno una mattina in vita sua si è svegliato pensando ai tuoi occhi e alle tue labbra.
Tu, voi, avete conosciuto l’amore.
E lo so, è proprio per questo che è così difficile lasciarlo andare.
Ma un amore finito è sempre meglio di un amore mai cominciato.
A te che soffri, io auguro che la voglia di amare non ti passi mai.
Ricorda e soffri, non vergognartene. Ma non odiare mai l’amore.
È l’amore stesso che ti salverà proprio quando meno te l’aspetti.

L’amore insegna. Sempre e comunque.

Quando l'orgoglio vince, le persone si perdono.
—  Francesca Sinatra
Ama chi ti ama, non amare chi ti sfugge,
ama quel cuore che per te si strugge.
Non t'ama chi amor ti dice, ma t'ama chi guarda e tace.
—  William Shakespeare
È come se non fosse mai accaduto, era solo una bugia?
Se quello che avevamo era vero, come potresti stare bene?
Perché io non sto bene per niente.
— 

Amnesia, 5 Seconds Of Summer

Via piccolocuoreartico