tibetano

El Mantra más poderoso y secreto del mundo

Este mantra contiene una vibración tan elevada y tan poderosa que es capaz de eliminar cualquier cosa que no sea equivalente al amor del Padre, la Fuente, el Origen o como desees llamarle. Sin importar qué sea, lo eliminará con toda seguridad. Es tan poderoso que se usa para detener ejércitos, limpiar planetas enteros de karma, cambiar la vibración de toda la humanidad y de todo ser vivo en el Universo. Imagínate lo que hará por ti. Trata de aprendértelo y repítelo cuantas veces puedas a lo largo del día, si por alguna razón no logras aprendértelo, escríbelo en un papel, en un cuaderno o en un lugar que puedas ver constantemente. Úsalo mientras te centras en el Amor Divino, en la luz de tu corazón, no en lo que quieres eliminar. Úsalo única y exclusivamente centrándote en lo positivo y sintiendo la vibración que el mantra genera por sí solo. Si lo deseas puedes utilizar una música de fondo para meditar.


Mantra:


OM AH HUM VAJRA GURU PADMA SIDDHI HUM


Se pronuncia:


OM AH HUNG BENZA GURU PEMA SIDDHI HUNG



El libro tibetano de los muertos

Uno de los libros más sagrados del mundo: Bardo Thodol. Escrituras escenciales para el Dalai Lama y para todo precticante de la religión budista. Según datos históricos fue escrito en el siglo VIII. Puede interprestarse como  una guía turística, como un mapa al servicio de cualquiera que busque un significado a la vida y a las experiencias en el más allá. Cualquiera que lea este libro puede aprender mucho de él. Aquí se describe minuciosamente lo que el individuo tendrá que soportar en la siguiente vida.

Al morir, volvemos a nacer en algún otro lugar; antes de nacer, hay un periodo que se denomina “vida intermedia”, y a esta experiencia  los tibetanos llaman “Bardo”.

Este libro permaneció oculto durante siglos en el Reino Prohibido, hasta que a principios del siglo XX, un norteamericano de nombre Walter Evans-Wentz, antropólogo, folclorista y escritor interesado en la sabiduría antigua, decidió emprender un viaje espiritual en donde recorrió parte de territorio oriental hasta llegar al Tibet, en donde más tarde, se conviritió en el primer occidental que conoció el libro que descifra los misterios de la vida de ultratumba. Evans-Wentz pasó 3 años traduciendo el texto a la lengua inglesa y lo publicó por primera vez en 1927.

El budismo tibetano se centra en la muerte, porque aunque consideran que esta vida es importante, creen que la siguiente lo es aún más. Curiosamente las historias de este libro, coinciden con las que cuentan aquellos que han sido declarados clínicamente muertos en alguna sala de operaciones. “Experiencias cercanas a la muerte”. El libro describe esa típica luz blanca y brillante con extremo detalle.

En el Tibet, los rituales funerarios no han cambiado desde hace por lo menos 600 años. Este consiste en que a la hora del funeral, los monjes budistas o “lamas”, se colocan junto al cadáver para leer el Libro Tibetano de los Muertos, con la finalidad de guiarlo a través de la palabra en su “aterrador” viaje al más allá.

Para comprender el poder de este libro, es necesario conocer sus origenes. Los tibetanos practican una forma de budismo, una de las grandes religiones de Asia que surgió 500 años a.C. a partir de las enseñanzas de un hombre santo de la India, al que sus seguidores llaman Buda, o “El Iluminado”. A pesar de que esta religión ha sido adoptada por distintas culturas en diferentes partes del mundo, podemos identificar las prácticas que siguen siendo similares en cualquiera de sus ramificaciones.

El principio fundamental del budismo es una verdad sencilla y profunda: “La vida está llena de sufrimiento”. Esto a causa  del deseo y la ignorancia; sin embargo, puede erradicarse a través de la meditación, el estudio y la compasión.

Uno de los conceptos fundamentales en cualquier forma de budismo es la reencarnación, la vida después de la muerte. De ahí se deriva la idea del Karma, que es la creencia de que las buenas y malas acciones realizadas en esta vida serán castigadas o recompensadas después de la muerte.

El objetivo del budismo es apartarse de la eterna rueda del karma para librarse del sufrimiento, y el Libro Tibetano de los Muertos ofrece un atajo hacia la liberación. Contiene “técnicas” para extraer la conciencia del cadáver del fallecido y guiarla hacia un lugar mejor.

Tú andas diciendo que no crees en la religión,
que la religión es una basura,
un lavado de cerebro,
y aunque no conozcas muy a fondo el tema,
te sientes especial tirando piedras,
pero no defiendo a la religión
defiendo a los hombres,
defiendo la inocencia,
defiendo la esperanza,
defiendo la fe,
defiendo las buenas obras,
yo sí creo en las religiones
porque los judíos que tuvieron esperanza
sobrevivieron al Holocausto como
Victor Frankl,
porque los budistas son compasivos
y rezan por todos,
porque los que oran a Krisna
creen en el cosmos y las estrellas,
porque uno de ellos era Gandhi
que le dio paz a un pueblo
tratando de evitar la violencia,
porque los practicantes del zen
buscan deshacerse de la razón
pues la razón misma a veces
envenena al ego y lo confunde,
creo en los musulmanes
quienes si ven un viajero en el desierto
le dan posada tres noches y cuatro días
y a final les dan de su dinero
para que continúen su viaje,
y también piensan
que la verdadera ciencia
es una constante revelación
de Dios,
yo sí creo en los cristianos
que cambian la vida de los drogadictos,
los que perdonan a los presos,
creo en los que llevan la cruz
pero no en los que crucifican,
como la madre Teresa de Calcuta,
quien a los leprosos y malformados,
abrazaba junto a su seno
porque decía que tal vez su abrazo
era la única oportunidad
de recibir amor en este mundo
que los condenaría al rechazo,
creo en mis abuelos que eran
de un pueblo indígena,
y sin importar raza, sexo o creencias
les abrían la puerta de su casa
para darles posada y comida,
creo en los mayas que tienen
el poder de hablar con la naturaleza
un día hablando con uno de ellos
mencionó que ellos podrían
comunicarse con sus ancestros
y provocar un desastre natural
que mandara a la chingada
a todos los negocios extranjeros
en la Riviera Maya
pero no lo harían
porque muchas personas
no tienen la culpa de las malas
creencias de otras y que
todo el presente era
una oportunidad para evolucionar,
creo en los nórdicos que respetan
a los espíritus del bosque
como los elfos y hacen puentes
y cierran caminos
para que no los molesten,
creo en lo científicos
que buscan prolongar
la experiencia humana
pero no creo en las farmacéuticas,
creo en los que no creen en religiones
como Borges
mas un día dijo no creer en Dios
pero que en un universo tan extraño
no se puede descartar la existencia
de un ser omnipresente,
un día dijo el sabio tibetano
que las religiones
no son malas porque tienen
como fin hacer mejores a los hombres,
otro dijo que
la mejor religión era el amor,
un día dijo San Agustín
que Dios es tan inmenso como el mar
y si se trata de llenar
un pozo de arena
como nuestra mente
no podríamos comprenderle,
creo en los sacerdotes
no en los que violan o se vinculan
con el narco
sino en los que estudian
la historia de las religiones
y llevan su conocimiento
a los pueblos en conflicto,
no me digas que la religión es mala,
los confundidos son los hombres
que en su ignorancia
son seducidos por el ego
y llevan al miedo a las poblaciones,
creando fronteras, guerras
y una lucha estúpida y absurda
de poder que gana
un demonio con corbata,
no menosprecies las creencias de otros
por unos que interpretan
las escrituras a su satisfacción,
¿Odias a los hombres o a las ideas?
—  Poemas para leer acompañado de una caguama, Quetzal Noah

anonymous asked:

A volte mi vengono in mente domande assurde. Sono ignorantissima in materia, per cui mi chiedevo.. Ma perché si studia lo spazio? O meglio, che cosa abbiamo "guadagnato" andando sulla luna o mandando le sonde su Marte o qualsiasi altra cosa abbiamo fatto di simile? Sarebbe molto diversa oggi la nostra vita se ce ne fossimo stati a casa in pantofole? Ho smesso di fumare da una settimana ed ecco che è successo. (ti prego non dirmi di ricominciare) grazie

Studiamo lo spazio per capire come sistemare, nella maniera perfetta, 11 giocatori su un rettangolo di calcio.

Secondo il grande pensatore ceco del ‘700, Zdeněk Zeman, il modo migliore per stare in campo è il 4-3-3. Con tale disposizione si occupa interamente il campo in maniera perfetta. Caratteristiche principali: difesa altissima, sulla linea del centrocampo, centrocampo sui 16 metri e attacco in pratica in linea con i fotografi a bordo campo. Portiere volante.

Due secoli prima di lui, già l’olandese Hendrik Johannes “Johan” Cruijff aveva capito che lo spazio è relativo e chi attacca può difendere e chi difende può attaccare in quello che venne definito il calcio totale. Lo spazio è grande, ma se giochi il calcio totale lo diventa molto di più, soprattutto se sei quello che deve rincorrere gli avversari per rubargli il pallone.

Secondo il concetto spaziale del teologo di Fusignano, Arrigo Sacchi, invece, l’unica maniera di piegare lo spazio/tempo alle tue volontà era quello di adoperare il 4-4-2, un sistema sulla carta semplicistico ma che prevede tantissime varianti, soprattutto nella linea di centrocampo. Il 4 può avere due ale larghe che ti si piantano in attacco in una specie di 4-2-4, ma può diventare anche un rombo col regista basso davanti alla difesa, ma anche un terzetto in mediana con regista dietro le punte.

Con l’arrivo di Carlo Ancelotti di Roggiolo, però, quel 4-3-1-2 diventava un 4-3-2-1 ribatezzato anche l’alberello e che non segue più le leggi fisiche di Galileo ma opera ellitticamente intorno alla prima punta.

Ma è solo con l’arrivo di Mr Spilletto, monaco tibetano di Certaldo, che scopriamo la quinta dimensione dello spazio o del modulo a tonnara senza prima punta: il 4-2-3-1 dove l’1 era Francesco Totti che anziché correre verso la porta avversaria scalava a centrocampo per aprire i varchi ai 3 di centrocampo che s’inserivano come diti nel culo, in quella che fu una delle più gioiose macchine calcistiche spazio-temporali mai viste prima. 

Con la nascita del Guardiolismo, lo spazio diventa un posto fisso e immutabile. Il modulo senza punta viene modificato nel “falso nueve” e però si tende all’occupazione totale e statica del campo, dove i giocatori, per la prima volta stanno fermi e gira solo la palla come fosse impazzita. Il Barcellona ci vince tutto o con 2 mesi d’anticipo, dimostrando come lo spazio e il tempo siano la stessa cosa.

Da qua Nolan ne trarrà spunto per 2 film e un torneo di calciobalilla nei studios della Miramax di Hollywood.

Il guardiolismo, ovviamente, evolve e lo spazio torna ad essere occupato dinamicamente e nasce la teoria delle stringe o se vogliamo, della difesa a 3 e mezzo. Non a tre, ma manco a quattro: 3,5 e il fautore è un certo Paulo Manuel Carvalho de Sousa, matematico portoghese, che crea quello che fino a poco tempo fa si credeva impossibile, ovvero il primo modulo calcistico frazionato.

Per queste ed altre milioni di ragioni l’uomo studia lo spazio e in generale, tutto ciò che lo circonda. Per capire perché l’Italia, pur con il suo catenaccio, è stata una delle prime nazionali a proporre terzini che attaccavano alti, come il numero di attaccanti in campo non è proporzionale al numero di occasioni create e che " Non importa quanto corri, ma dove corri e perché corri.” (Z. Zeman).

Quem disse que ser adulto é ser ranzinza, um ditado tibetano diz que se um problema é grande demais, não pense nele e se ele é pequeno demais, pra quê pensar nele? Dá pra ser um homem de negócios e tomar iogurte com o dedo ou uma advogada de sucesso que adora rir de si mesma por ser estabanada; o que realmente não dá é continuarmos achando que viver é ‘out", que o vento não pode desmanchar o nosso cabelo ou que eu não posso me aventurar a dizer pra alguém: “vamos ter bons e maus momentos e uma hora ou outra, um dos dois ou quem sabe os dois, vão querer pular fora, mas se eu
não pedir que fique comigo, tenho certeza de que vou me arrepender pelo resto da vida”
—  Arnaldo Jabor.

Los problemas y la ausencia de problemas no provienen del exterior. 

Los problemas y la ausencia de problemas, así como toda la paz y la felicidad, así como toda la paz y toda la felicidad, sólo provienen de tu propia mente. Tu mente tiene el potencial para poner fin a los problemas que provienen de tu mente.

Pero la misma mente que trae el problema no pone fin al problema, sino que es otra mente, otro pensamiento, otra actitud, la que puede poner fin a todos los problemas y traer paz y felicidad.

NO SE TE PUEDE TRASPLANTAR LA MENTE DE UN BUDA O DE ALGÚN SER BIENAVENTURADO.  LA PAZ, LA FELICIDAD Y LA SATISFACCIÓN TIENEN QUE PROVENIR DE TU PROPIA MENTE.


LAMA ZOPA RIMPOCHÉ

Tecniche di meditazione.

 

Tutte le principali tecniche di meditazione analizzate nei loro aspetti fondamentali con consigli pratici per il loro utilizzo sono illustrati per poter conoscere tale argomento e trarne i massimi benefici. Ogni religione, ogni credo ed ogni filosofia di vita accoglie, riconosce e pratica la meditazione se pur in maniera differente. Questa particolare usanza esiste da sempre ma solo negli ultimi anni sta diventando oggetto d’interesse comune. Chiaramente non tutti abbracciano, se pur fedeli ad un credo, questa pratica.

Cos'è la meditazione?

La meditazione è un esercizio molto difficile perché va “contro” tutto quello a cui siamo portati a fare in ogni istante della nostra vita, sia volontariamente che involontariamente. Sto parlando del pensare. La pratica meditativa s’incentra sull’osservare la mente in assenza di pensieri. Per entrare in uno stato meditativo è indispensabile la concentrazione. A seconda della filosofia o credo che si abbraccia, la concentrazione sarà indirizzata in maniera differente. La meditazione ha come scopo ultimo, il raggiungimento di una consapevolezza interiore profonda.

Analizzeremo nello specifico le principali tecniche di meditazione associate alle varie tradizioni culturali.

Tecniche di Meditazione buddista.

Non tutti sanno che esistono due filoni di tradizione buddista principali. Il più conosciuto è il Buddismo Tibetano; di non meno diffusione ed importanza è il Buddismo giapponese. Nella meditazione, come nei principi base del filone filosofico stesso, ci sono degli elementi comuni. La meditazione Buddista viene esercitata per arrivare all’illuminazione (Buddità / sviluppo mentale). Consigli da seguire per la riuscita di una buona meditazione buddista:

Soprattutto per le prime volte in cui si pratica, è importante scegliere un luogo tranquillo dove non si possa venire distratti da rumori o situazioni esterne caotiche.

Non bisogna andare di fretta quindi è importate scegliere un momento della giornata in cui possiamo dedicarci completamente a noi stessi. Il mattino presto o la sera sono generalmente i momenti migliori.

Non si hanno delle regole sulle tempistiche; per iniziare consigliamo comunque una meditazione di quindici minuti.

Con il passare del tempo ogni persona mediterà a seconda delle sue esigenze, con naturalezza.

Generalmente i buddisti meditano da seduti. La posizione utilizzata è meglio conosciuta con il nome di posizione a fiore di loto (il fiore di loto, simbolo di purezza ed armonia cosmica, è un elemento sacro per il buddismo).

Esistono varie tecniche di meditazione Buddista:

La meditazione della tranquillità (samatha) viene chiamata così perché ha come scopo quello del raggiungimento della serenità interiore e fisica.

La meditazione analitica, dell’intuito (vipassana), viene praticata dopo la Samatha per accrescere i pensieri di natura positiva e per scardinare le false visioni della vita che ci siamo creati con il passare del tempo.

La meditazione Samatha: tecniche per la pratica.

L’osservanza del respiro è il mezzo imprescindibile mediante il quale cominciare ad entrare in risonanza con la propria parte profonda. Attraverso la concentrazione riservata al nostro respiro, cominceremo ad addentrarci in una fase meditativa. La nostra attenzione dovrà essere riservata al percorso che fà il respiro partendo dal nostro naso e attraversando tutto il corpo. Incentrando la mente solo sul respiro, riusciamo a liberarci dai pensieri e dalle negatività, assicurandoci così calma e pace interiore.

La meditazione Vipassana.

La meditazione Vipassana non prevede solamente una tecnica meditativa circoscritta nello spazio e nel tempo ma ha come principio fondante quello di praticare in ogni momento della giornata.

Per comprendere meglio queste tecniche, è opportuno specificare che la Vipassana verte sul concetto di osservanza di sè per giungere ad una totale coscienza del proprio corpo, alla purificazione della mente e dei nostri Chakra (centri energetici). L’ auto osservazione giornaliera, ci porterà a lavorare sui nostri limiti e sui sentimenti negativi, come per esempio la collera.

Questa particolare forma di meditazione comprende dunque:

Momenti di pratica “tradizionale” nella quale si attua la tecnica dell’osservanza del respiro.

Fasi di pratica “attiva”, attraverso l’attenzione verso le emozioni e verso la mente in tutte le fasi della giornata.

I Mantra: centri energetici come mezzo meditativo.

Tutto il mondo orientale annette alla meditazione e alla preghiera dei mantra che ci aiutano ad entrare in uno stadio interiore profondo e in alcuni casi come nel buddismo e nell’induismo, ci permettono di entrare in connessione con le energie dell’universo.

Mantra: cosa sono e come utilizzarli.

L’utilizzo del mantra (parola di origine sanscrita) come tecnica meditativa, è stata introdotta dalle culture orientali.

Con l’espressione Mantra, ci riferiamo ad una parola corta (sillabe o anche brevi frasi), riconosciuta come potente e di carattere spirituale. La ripetizione sonora di questa parola, ha l’abilità di cambiare la nostra coscienza. Non si tratta di arti occulte ma semplicemente di una questione vibrazionale di cui sono dotate le parole.

Quando utilizziamo un mantra, ci accingiamo a richiamare le energie superiori che ogni tradizione identifica con un nome diverso. Possiamo riferirci a Dio, all’universo, alle divinità indiane e così via. Con il mantra dunque chiediamo di entrare in contatto con la presenza del “Divino”.

Mantra: esempi concreti.

Esistono una quantità infinita di mantra diversi secondo la tradizione d’appartenenza. Vediamone insieme alcuni esempi.

Uno dei mantra più conosciuti:

OM (Amen in cristiano). Si tratta di un mantra impersonale, ossia non richiama in sè la natura divina; per renderlo efficace c’è bisogno di affiancare alla sillaba un mantra personale o far riferimento a figure che ci hanno ispirato.

Uno dei mantra più importanti ed utilizzati nelle tecniche meditative dai Buddisti:

Om mani padme hum mantra della compassione che fa riferimento a quello che nascondiamo nel loto del nostro cuore. L’immagine del fiore di loto è ricorrente nella tradizione buddista. Oltre ad essere il simbolo delle purezza ed armonia cosmica, come abbiamo già visto, è dotato di moltissimi significati. Unico nel suo genere, questo fiore sopravvive anche nel fango senza che la sua bellezza venga intaccata. Questa sua caratteristica lo rende metafora nella vita terrena.

Om navah shivay è uno dei Mantra indiani con i quali, durante la meditazione si richiama la divinità Shiva.

Esempio di mantra Shanti: Oṁ shāntiḥ shāntiḥ shāntiḥ Oṁ che letteralmente significa Om pace, pace, pace Om.

Tecniche meditazione zen.

La meditazione Zen è una tecnica particolare di meditazione Buddista che racchiude le quattro tradizioni delle scuole buddiste zen. Vede le sue origini in India. A differenza del buddismo tradizionale, lo zen non basa i suoi fondamenti sugli scritti ma è una tecnica volta all’abrogazione di ogni filosofia, tradizione o dogma. Lo zen viene considerato come l’essenza originaria della meditazione perché và direttamente alla fonte del nostro spirito. La tecnica che il buddismo zen utilizza per meditare, oltre alla concentrazione che bisogna avere sul respiro e sulla postura, è concentrata sull’utilizzo dei Koan. I Koan sono delle parole o brevi frasi che logicamente non hanno un senso completo. Quest’enunciato viene dato dal maestro all’allievo per aiutarlo nella meditazione e per fargli capire che non è la logicità che ci conduce alla via della soluzione ma bensì la conoscenza di sè.

Meditazione cristiana.

Il cristianesimo tradizionale, intende come meditazione la preghiera che può essere effettuata in un luogo sacro (chiesa) oppure in privato.

Generalmente s’inizia con l’invocazione dello spirito santo.

Successivamente si prosegue con la lettura di brani della Bibbia.

Si riflette sui passi scritti nel libro sacro e sulla propria condizione.

Si chiede perdono a Dio per i peccati commessi e gli si chiede la Grazia.

Tuttavia è possibile avvalersi di una forma meditativa più “profonda” e che implichi un impegno differente.

Meditazione profonda: tecniche.

La meditazione cristiana (preghiera) utilizza gli stessi principi base delle altre meditazioni (da seduti, rilassandosi, concentrandosi) ma porta a rimanere vigili e non nell’entrare in stadi di coscienza superiore.

Come tecnica principale, viene utilizzata la ripetizione di un mantra (se ne possono utilizzare diversi) come per esempio la parola “maranàtha” che significa “Vieni signore”. Durante la ripetizione del “Vieni Signore”, la nostra mente abituata al pensiero, verrà immersa in immagini e riflessioni sulle quali non dobbiamo soffermarci. Centralizziamo la nostra attenzione solo sull’ascolto di noi stessi mentre ripetiamo il mantra e lasciamo scivolare via i pensieri. Questo ci aiuterà a sgombrare la mente. La meditazione cristiana di questa tipologia, oggi come oggi viene praticata principalmente in Romania e sul monte Athos. Attraverso la meditazione profonda, il cristiano, come diceva San Giovanni della croce, entra in contatto con se stesso e raggiunge la Grazia, l’Infinito, il Signore. I principi sui quali si basano preghiera e meditazione cristiana, sono pressochè gli stessi ma messi in pratica in modalità differenti.

I Chakra nella meditazione.

 

Anche la parola “Chakra” deve le sue origini alle tradizioni indiane. Termine sanscrito che letteralmente significa “ruota”, viene utilizzato per indicare il “plesso”. Per spiegare meglio cosa significhi, possiamo ricondurre il suo senso al significato “centri di forza”. Secondo le filosofie orientali, i Chakra sono dei punti del corpo dove vengono concentrate le energie vitali. Questi luoghi energetici sono generalmente associati agli organi del nostro corpo. Uno squilibrio energetico del Chakra dunque causerebbe squilibri anche all’organo corrispondente. Oltre alla cristalloterapia e ad altre pratiche olistiche specifiche, l’energia dei Chakra può essere purificata e/o incrementata attraverso la meditazione. Si tratta di concentrarsi e rilassarsi, con le tecniche esposte in precedenza, e di visualizzare l’energia all’ interno del Chakra che si vuole prendere in considerazione. Bisogna visualizzare l’organo corrispettivo al Chakra immerso in un vortice di luce colorata. Ogni Chakra è dotato di colore proprio e durante la meditazione sarà importante visualizzarlo con il colore che lo determina.

I sette Chakra.

I Chakra o punti energetici, sono sette. Vediamoli nel dettaglio.

Muladhara è Il primo chakra ed è il chakra delle radici. Si trova tra l'ano ed i testicoli o la vagina. Il suo colore è il rosso e viene rappresentato attraverso un disegno, dotato di quattro petali (fiore di loto). Questo Chakra è legato al rapporto che abbiamo con la parte materiale della vita.

Svadhishthana è il Chakra delle emozioni. Di colore arancione, si trova sotto il ventre e funge da controllore degli apparati riproduttivi. Attraverso l’energia di questo centro, rappresentato con sei petali, viene offerto il piacere.

Manipura Chakra è il terzo Chakra ed è legato alla volontà. Si colloca sotto al diaframma, sul plesso solare ed è di colore giallo, ha dieci petali. “Gestisce” gli organi propri del plesso solare come lo stomaco ed il pancreas. La sua energia è legata al benessere collettivo ed individuale.

Anahata Chakrasituato nel plesso cardiaco e costituito da 12 petali, è il chakra del cuore. Il suo colore è il verde smeraldo. Tutti gli altri “punti energetici” dipendono da lui in quanto se il cuore si ferma, il corpo materiale muore. Quando è completamente sviluppato, Anahata Chakra ci consente di godere dell’amore proveniente dagli affetti famigliari. Al contrario si chiude all’insorgere di problematiche, quando si subisce la perdita di una persona importante, quando non si è elaborato un abbandono. Queste difficoltà che avvertiamo, si ripercuotono sull’organo corrispondente al Chakra. Ciò avviene per tutti i centri energetici. La psiche e le problematiche che subisce, incidono negativamente sui nostri centri energetici e di conseguenza sugli organi in cui risiedono. La scienza bioenergetica studia proprio questo tipo di fenomeni.

Vishudda è il quinto Chakra. Ubicato a metà della gola, è di colore azzurro brillante e si compone di sedici petali. Gestisce gli organi che ci permettono di comunicare con l’esterno. Sarà facile osservare, anche analizzando se stessi, di come la verbalizzazione di quello che ci piace fare o che già facciamo anche a livello lavorativo, avvenga in maniera precisa e fluida. Al contrario quando facciamo o viviamo qualcosa che non ci soddisfa, si crea un blocco espressivo. L’insoddisfazione nei confronti della vita che conduciamo, si ripercuote sul piano fisico con manifestazioni come la mancanza di voce, malattie come la tiroide ma lfunzionante, incomunicabilità. In questo caso viene dunque minata la nostra espressività e creatività.

Ajna (chakra del terzo occhio e della visione), è a due petali, si trova nella parte centrale della fronte. Il suo colore è l’indaco. Mediante le tecniche di meditazione, il “terzo occhio” può portarci a raggiungere percezioni extrasensoriali. Questo centro energetico ci permette di visualizzare il nostro percorso nel futuro, di sviluppare la nostra creatività.

L’ultimo dei sette chakra è il Sahasrara (chakra della corona). Viene identificato come il più importante ed è costituito da mille petali. Il suo colore identificativo è il viola ed è situato nel cervello. La sua importanza risiede nel fatto che in esso sono riuniti i sei chakra di cui abbiamo parlato. Questa unione porta alla realizzazione del sè attraverso l’unione con il Divino.

Meditazione trascendentale.

La meditazione trascendentale non fa capo a nessuna religione o filosofia di vita. Questa tecnica, applica in maniera pratica le tradizioni di conoscenza della Scienza Vedica. Si tratta di una pratica mentale che serve per sviluppare le nostre capacità creative, per contrastare stress ed ansia, per aumentare la nostra consapevolezza, per sviluppare le facoltà intellettive e così via. Come altre tipologie meditative, anche la trascendentale si avvale dell’utilizzo dei mantra. Attraverso la ripetizione di questo suono, siamo portati ad un livello di consapevolezza in assenza di pensieri. Questo stato viene chiamato “trascendenza”. Mantenendo la concentrazione sul respiro e sul mantra, secondo la meditazione trascendentale, entriamo in unione con il divino.

Livello scientifico: benefici. Studi scientifici hanno avvalorato l’efficienza della pratica trascendentale, individuando i reali giovamenti portati all’uomo.

Entrando in uno stato di trascendenza, gli studiosi hanno accertato una reale diminuzione dell’ansia e dello stress. Anche psicologi e neurologi ne riconoscono l’efficacia.

Yoga e yoga kundalini.

Lo yoga è una scienza di carattere soggettivo che non fa riferimento a nessun credo. Il suo scopo è quello di arrivare alla propria consapevolezza interiore entrando in risonanza con le leggi dell’universo. Per questa pratica, non c’è scissione tra la materia e lo spirito; tutto è unione. Per mettere in atto le tecniche di meditazione Yoga, bisogna essere disciplinati psico-fisicamente.

Quando si inizia a meditare, generalmente seduti a terra con le gambe incrociate, bisogna esercitarsi sul pensiero. Ogni riflessione o idea che ci viene in mente dobbiamo bloccarla.

Importante, come in tutte le meditazioni, è il respiro. Durante questa fase, per contribuire a rilassarci, possiamo utilizzare mentalmente un suono. La parola hong so ci aiuterà ad ogni inspirazione ed espirazione.

Successivamente dobbiamo rimanere in ascolto di noi stessi mantenendo la consapevolezza.

 Yoga Kundalini e Osho.

La meditazione kundalini è diversa da tutte le altre sotto il profilo della stasi. E’ una pratica attiva che si serve di:

movimenti,

respirazioni,

rilassamento,

suono,

ritmo.

Osho (professore di filosofia e maestro spirituale indiano) ha creato questa tecnica di meditazione dinamica che permette di liberarci da tutto lo stress accumulato durante la giornata. Unisce la pratica fisica alla respirazione servendosi comunque del principio di “non pensiero” comune alle altre meditazioni.

Per la kundalini, la consapevolezza di sè arriva attraverso l’esperienza pratica.

Meditazione regressiva.

L’essere umano utilizza solo una parte delle facoltà mentali di cui è corredato. Tramite la meditazione guidata alla regressione, possiamo entrare in contatto con il nostro “passato”, sfruttando le piene capacità mentali delle quali siamo dotati. Grazie all’unione tra le tecniche di meditazione orientali e le scoperte scientifiche sulle onde cerebrali, la “regressione” ha sviluppato le sue metodologie d’azione. La meditazione guidata avviene attraverso l’ipnosi regressiva. Per riuscire nell’intento di immergersi nelle proprie vite passate o semplicemente per rivivere un frangente del nostro trascorso più recente, è fondamentale entrare in uno stato di trance (rilassamento profondo). La trance in cui entriamo viene indotta dal terapeuta attraverso l’ipnosi.

Meditazione Reiki.

Prima di entrare nelle caratteristiche della meditazione Reiki, è opportuno spiegare cosa si intende con questo termine. Coloro i quali utilizzano il Reiki, lo definiscono un arte spirituale che ha come fine ultimo quello della guarigione della mente e del corpo.

La guarigione dell’altro, avviene attraverso l’imposizione delle mani sulla parte del corpo che si ritiene malata. Attraverso una preparazione, che avviene in tre livelli, l’individuo che adopera il Reiki, per ottenere risultati benefici, attingerà dall’ energia dell’universo.

Ad oggi, anche il Reiki riconosce l’importanza dei Chakra, si muoverà quindi ad aprire questi centri energetici (attraverso l’imposizione delle mani) per arrivare ad un totale benessere del corpo e della mente.

La meditazione nel mondo del Reiki non fa riferimento a nessuna fonte religiosa. L’iniziato, attraverso la meditazione arriva ad un livello di coscienza profondo e và ad attivare la propria energia (prana), entrando in contatto con l’energia dell’universo.

Non ci sono regole particolari sulle tecniche di meditazione praticate dagli iniziati al Reiki. Il respiro, la concentrazione, l’osservanza di sè e l’assenza di pensiero per arrivare alla coscienza, sono gli elementi fondamentali per meditare. Possiamo servirci dell’utilizzo di musica New Age e candele per agevolarci allo stato meditativo.

Meditazione Huna.

Fondata sui sette principi dello sciamanesimo Huna, questa tecnica meditativa si concentra sulle fonti d’energia. La connessione tra l’energia interna e l’energia cosmica, ci porta ad innalzare le nostre vibrazioni vitali e di conseguenza a vivere bene e in armonia con noi stessi e il mondo. Possiamo meditare in maniera classica per la nostra serenità, scegliendo un luogo ed un orario da destinare alla pratica. Secondo questa tradizione Hawaiana però, il nostro benessere psico-fisico si può raggiungere attraverso l’osservanza, in ogni momento della giornata, dei sette principi.

Il mondo è ciò che pensate che sia. La mente ha un potere fortissimo, soffermiamoci a riflettere su come i nostri pensieri negativi incidono sul quotidiano e sulla nostra sfera interiore.

Non ci sono limiti. L’universo ci ha messo a disposizione tutto, siamo noi a crearci limiti e barriere.

L’energia fluisce dove va l’attenzione. Dobbiamo focalizzare la nostra attenzione sul raggiungimento dei nostri obiettivi, senza permettere a nessun fattore esterno o interno, di distoglierci da quello che vogliamo ottenere.

Adesso è il momento del potere. Non esiste passato e non esiste futuro. Qua ed ora. Meditate su quello che state facendo in un particolare momento della giornata. Assaporate ogni istante senza far fluire pensiero alcuno se non l’osservanza di quello che sta accadendo. Nello “adesso” c’è il momento del potere.

Amare è essere felici con gli altri. Non dobbiamo vivere nelle “aspettative” ma dobbiamo concentrarci sui lati positivi delle persone che abbiamo scelto per il nostro percorso di vita. La condivisione è il primo passo per amare ed essere felici con gli altri. Abbandoniamo le invidie ed i pensieri rancorosi e gioviamo dei successi altrui.

Tutto il potere viene da dentro. Su questo principio è opportuno meditare in modalità classica. Ritagliamo uno spazio che sia solo nostro, al mattino o alla sera. Sediamoci nella posizione del fiore di loto e liberiamo la mente. Entriamo in contatto con la nostra interiorità attingendo, attraverso la meditazione, alle energie dell’universo. Visualizziamo i nostri sogni e sentiamoli reali. Siamo noi a decidere da quale parte andrà la nostra vita perché il potere che custodiamo interiormente è illimitato.

L’efficacia è la misura della Verità. Non sempre durante la giornata accadono cose che vorremmo o come le vorremmo. La sera prima di dormire, riviviamo quello che ci ha creato difficoltà o negatività ed elaboriamo mentalmente come avremmo voluto comportarci. Il nostro subconscio così, riceverà nuove opzioni di comportamento. Liberate infine la mente e meditate sul settimo principio: l’efficacia è la misura della verità.

I benefici della meditazione.

Ogni essere umano è unico e come tale vive e sente ogni cosa a proprio modo. Anche i benefici della meditazione verranno accolti in modi differenti. Quello che accomunerà i “praticanti” sarà comunque un giovamento psico-fisico notevole. Oltre ai risvolti spirituali, di cui abbiamo ampiamente parlato, la meditazione è stata insignita dagli studiosi del merito di essere un mezzo importante anche nella terapia.

Entrando nel concreto, basti pensare che le tecniche meditative vengono utilizzate (insieme alla psicoanalisi) anche in molti centri di recupero per tossico dipendenti. Grazie agli esercizi di respirazione e al senso di rilassatezza che ci induce a provare la meditazione, la mente di questi ragazzi viene sollevata, almeno in quel momento, dal pensiero della droga. Attraverso il lavoro di “coscienza” che avviene tramite la pratica, i dipendenti da droga possono cominciare a lavorare anche sulle proprie potenzialità individuali.

Famosi sono anche i benefici che la meditazione apporta a persone che soffrono di ansia acuta, stress e depressione. Aumentano i pensieri positivi e attraverso la respirazione si ottiene maggior rilassatezza e serenità. Alcuni studi condotti di recente hanno dimostrato che praticare la meditazione con regolarità, provoca un innalzamento delle difese immunitarie. Miglioramento delle condizioni cardiache e minor affaticamento del cuore grazie alla regolarizzazione dei battiti tramite la respirazione.

Keith Wallace, uno fisiologo statunitense, attraverso i suoi studi, dimostrò che la meditazione abbassa l’età biologica delle persone che la praticano.