ti&tiny

Mi ripeti spesso che ho gli occhi spenti,
che devo imparare a guardare il sole e mostrargli i denti.
Ma io guardo i tuoi, sempre sorridenti, e tu ti lamenti se rispondo che il mio sole ha i tuoi lineamenti.
—  cit. pioggia-di-parole
Io ti ho voluto per interesse e ti chiedo scusa, tu eri ricco ed io non avevo niente.
Ma non avrei preteso tanto giuro, mi bastava un po’ del tuo tesoro, per ricevere le invidie di chi non ne poteva avere, 
perchè volevo essere l'unica regina di quel regno riflesso nell'azzurro dei tuoi occhi.
Le necessità dovevo colmarle, giusto quelle primarie. E’ che avevo, vedi, una lista di cose che bramavo da tanto tempo,
le vedevo in ogni dove e non erano mai mie.
Le cose più inutili per te, per me erano importanti.
Mi piacevano soprattutto le superficialità che brillavano: due sorrisi da indossare la sera a mò di perle e diamanti,
e poi mi è piaciuto quando mi hai regalato le tue carezze sul mio polso, la mia pelle ha rabbrividito al tocco di quella seta morbida che era la pelle tua
a contatto con le mie braccia, nemmeno fosse di quelle stoffe pregiate indiane.
E pensa, non avrei voluto nemmeno che scomparissi per il testamento, mi bastava condividere un po’ di quella felicità con te,
che lo so che i miei sorrisi hanno poco valore e per questo non li indosso mai,
però con te nessuno era in eccesso, 
che ti bastava esserci per farli brillare.
—  About a moonlight

I’ve never seen you with such a TINY fuse!”

“Stanford I swear…”

“Sorry, it was just a SMALL jest!”

“YOU’RE SLEEPIN’ ON THE COUCH TONIGHT!”

—————–

Fifth day of the fiddauthor-fest!

Today’s theme was supernatural and/or science related.

I decided to go with a mishap with the height crystals! Mainly because: 1, short puns. And 2: More pocket Fiddleford!

Don’t worry he gets back to normal soon.

@fiddauthor-fest