ti credevo diverso

Sai, non so più se quello che provo per te é amore o odio, perché probabilmente ti odio più di quanto ti ami ormai.
Ti odio perché te ne sei andato senza un motivo valido.
Ti odio perché mi avevi promesso che saresti rimasto, ma non l'hai fatto.
Ti odio perché ti credevo diverso da tutti gli altri, ma sei esattamente come loro.
Ti odio perché per te sono cambiata, cosa che non ho mai fatto con nessuno, ma a te non é importato nulla.
Ti odio perché continui a rimanere nella mia cazzo di testa e mancarmi.
Ti odio perché a te non frega più un cazzo, probabilmente mi hai anche dimenticata, ma io no.
Ti odio perché non leggerai mai questo messaggio e saranno solo parole buttate al vento.
Però ti amo ancora.
Ti amo perché sei stato la luce dopo mesi di perenne blackout.
Ti amo perché tu ci sei stato quando gli altri non c'erano.
Ti amo perché hai saputo dimostrarmi cose che probabilmente non erano neanche vere.
Ti amo perché sei sempre riuscito a farmi sorridere, nel bene e nel male.
Però non posso continuare ad amarti, quindi ti odierò per quanto mi sarà possibile.
—  Piccolo sfogo.
Ti odio perché non ci sei più. Ti odio perché hai scelto lei, mi hai usata, forse per colmare la tua solitudine, e poi mi hai gettata via. Ti odio perché credevo fossi diverso. Mi fidavo di te sai? Avevo fatto crollare la corazza, lentamente, scoprendo il mio cuore debole, un po’ in frantumi, con i segni di continue battaglie perse. Ti ho dato la possibilità di ferirmi, credendo non l’avresti fatto.. Ora mi ritrovo a terra, un po’ distrutta, con i cocci rotti di anima e cuore, che a ogni caduta sono sempre più difficili da rimettere insieme. Ti odio. E vorrei che tornassi. E mi manchi. Ma non tornerai. Continuerai a mancarmi.

Ti credevo diverso. Speravo davvero che sotto quella corazza da duro ci fosse una persona che tenesse a me. Ma forse non è così, forse non lo è mai stato. Non so più che pensare, so solo scrivere post deliranti e confusi che tu non leggerai mai. Vorrei non aspettarmi più niente dalla gente e invece no, invece io mi aspetto sempre troppo e resto delusa. A chiedermi in un angolo che cosa ho sbagliato. A chiedermi perché tu, come tutti, te ne sei andato.

  • ρєzzι∂ι¢υσяєѕтяαρραтι