this ti

mi disse che le cose erano cambiate e che non ci vedeva più come una volta. tutti quegli abbracci e quelle parole non avevano più importanza, perché le persone cambiano, perché prendono altre strade, e quando succede che si rincontrano per poco, rimane solo il silenzio che come un lenzuolo oscilla da una parte all'altra, impazzito.
mi disse che si era stancata, che di portare avanti rapporti che non avevano una base solida e un futuro altrettanto solido, non ne aveva proprio la voglia, e quando intendeva solido non era noiosa, non intendeva qualcosa di scontato, non ci aveva mai pensato in quei termini. Era stato come quel giorno di tanti anni prima, quando aveva capito che quel vecchio e logoro paio di converse fucsia dovevano essere buttate, per quanto ci tenesse, per quanti ricordi e posti lontani avesse nel cuore grazie a loro. era così, tutto spariva, tutto, anche le persone che pensavi non sarebbero mai sparite, quelle che a dieci anni credevi avresti avuto accanto per tutta la vita, e poi puff così addio e chi si è visto si è visto, grazie per le scarpe che mi allacciavi sempre e per le volte che avevamo sei anni e non sapevo soffiarmi il naso ma c'eri tu a fare tutto e grazie perché mi prendevi la mano quando non c'era nessuno a volermi bene e a tagliarmi la pizza, perché sono sempre stata un disastro
però ora la pizza me la faccio portare già a fette e le scarpe non le slaccio mai e la mia mano è fredda ma ci penso io a scaldarmi quando non ci sei, da quando non ci sei,
ho capito che a volte è giusto lasciare andare

Ti pensavo, non ci crederai​,
e infatti non ci credi mai,
non ci credi mai.
—  Fred De Palma