this is prima

Chissà come ci si sente ad essere talmente belle da attirare lo sguardo dei passanti, il sabato mattina, con i capelli legati e senza trucco.
Chissà come ci si sente ad essere pieni di amici, di quelli veri però, quelli alla quale dici “sto male” e che si presentano a casa tua un quarto d'ora dopo.
Chissà come ci si sente ad essere sempre la prima scelta, mai messi in disparte, mai inutili.
Chissà come ci si sente ad avere fiducia in sé stessi.
Chissà come ci si sente ad essere amati, ma amati sul serio, di quegli amori che vengono scritti sui muri o tra le pagine di un libro. Quegli amori che ti mettono a soqquadro lo stomaco, e che non ti fanno battere solo il cuore, ma tutta la gabbia toracica.
Già, chissà.

-TheGirlOfMilkshake

—  TheGirlOfMilkshake
Peró nel mio caso
hanno sempre preferito perdermi
piuttosto che lottare e
venirmi a prendere, mi
hanno sempre lasciata
in sospeso, nessuno
che ti tiene, nessuno
che ti rincorre, nessuno
che ti viene a
prendere, eppure
nonostante tutto
dicono di volerti bene
che non potevano
trovar di meglio e poi ti
lasciano andare.
—  Ilmiobisognoelamancanza

Ti amo da sempre.
Fonte mia - @ucanbemydestiny - Francesca Sinatra ; FS.

Non mi interessa se non mi ami più, perché io ti amo ancora. Ma ti dimenticherò, come le salite al ritorno, i ripari nelle città costruite in verticale, le promesse fatte dai politici in campagna elettorale, i sogni, come ha fatto il grande pubblico con i Sottotono. Io non ho smesso di credere nel destino, nei “per sempre”, nelle cose fatte in due, nell'amore che ti cambia la vita.
Ho solo smesso di credere che tu avresti potuto essere tutto ciò. E mi odio ogni volta che ti vedo, perché c'è un abisso tra le cose che ti vorrei dire e quelle che invece ti dico.
Amare qualcuno che non ti ama è come ritrovarsi in una strada senza cartelli stradali, morire senza provare dolore.
Perché al dolore ci si può ribellare, ma al niente no, capisci?
Tu cadi in piedi, io ai tuoi piedi.

Abbracciami all'improvviso
e bacia ogni mio sorriso,
io ti stringerò stretto
per sussurrarti che con te
anche l'inferno diventa paradiso.

Izzy Karter

La prima volta, sì, proprio quella hai capito
Ricordo che dopo stavo disteso, zitto, fumavo e guardavo il soffitto
Con gli occhi d'ombra all'angolo
Era la prima volta che ho visto dormire un angelo.