the trullo

Me arzo la mattina e trovo già er buongiorno
Vede’ la faccia sua è mejo de ‘n film porno
Ce passo ore e ore ma nun me basta mai
Er còre me ce more e questo nun lo sai

Se ‘ncazza 'n du’ secondi e me nega la parola
Je faccio li dispetti ma me sale 'r còre 'n gola
Non riesco a sta’ tranquillo finché nun me perdona
Faccio schifo come 'n cane e nun sa cosa sprigiona

Io penso che i ragazzi se vonno diverti’
Magari 'n so’ disposti ad ama’ una così
Tarmente complicata che 'n se riesce a decifra’
La paura fa novanta… ma pure questa qua!

D'altronde da lassù qualcuno l'ha deciso
Che l'avrei incontrata così all'improvviso
Er sogno mio più grande è quasi ‘n’ utopia
Svejamme co’ lei a destra e a sinistra mi’ fija

Ce so’ troppe cose che ancora ve direi
Ma me sa che ho detto tutto perché er resto è tra me e Lei

Io c'ho provato co’ la mi’ regazza
“Senti teso’, ‘o famo 'n bambino?”
Lei se rigira co’ l'occhi da pazza
“'A smetti de fa’ sempre 'r cretino?”
Er fatto è che io dico sur serio
Anche se so’ solo un ragazzo…
“Che dici teso’, 'o chiamamo
Valerio?”
“Senti Matte’, m'hai rotto 'n po’ er
cazzo!”
Allora la pio, la bacio e l'abbraccio
Je stringo li fianchi e pure la mano
“Ma senza de te io come faccio?”
“Me sa che staffa’ troppo er
ruffiano”.
Ce provo e riprovo, nun me rassegno
Pure se semo solo pischelli…
“Sai quante cose 'n giorno je
'nsegno?”
“Je 'nsegni a balla’ e a fasse 'i
spinelli?”
“Sentime amo’, so’ 'n padre perfetto”
Sta 'n attimo ferma e poi scoppia a
ride
“Te devi 'mpara’ a pulije er
culetto…”
Incrocia le braccia poi me soride.
Occhi nell'occhi, diventa più seria
“Non vedi che stamo senza 'na lira?
Pe’ non parla’ poi della cattiveria…
Dentro a 'sto monno pieno de ira”
Ce penso 'n po’ su poi je risponno
“Se quarcheduno je vòle fa’ male…
Je pio la capoccia poi je la sfonno!
Lo sai che so’ peggio de 'n animale”
“Senti Matte’, er punto 'n è questo.
Dovrai rinuncia’ a bevute e fumate.
Poi sei disposto, risponneme onesto,
A rimane’ sveglio pe’ intere
nottate?”
“Io pe’ mi’ fio so’ pronto a fa’ tutto”
Dico co’ 'a voce più dorce che posso
“Pure se torno a casa distrutto…
Basta che 'o vedo e già so’
commosso”
Lei se raddrizza e tutta impettita
“Torni da do’ che 'n lavoro 'n ce
l'hai?”
Poi ce riflette e 'n po’ divertita…
“Guarda che è 'n fio, mica 'n
bonsai!”
“Non basta guardallo tutto
commosso
Pe’ fallo cresce sano e ar sicuro.
Fa’ 'sti discorsi mo è 'n paradosso…
Se ce riflettemo mejo in futuro?”
“Sarà pure presto pe’ fa’ 'na
creatura”
Je dico co’ 'n tono forse orgoglioso
“Un giorno vedrai che senza paura
Diventerò padre e sarò favoloso!
Prima m'aggiusto 'n po’ la capoccia
Trovo un lavoro, serio e pulito
Poi sarò pronto a esse 'na roccia
De me sarai fiera, io t'ho avvertito.”
—  Er Bestia, Poeti Der Trullo
Me ne vado da una Roma che è meravijosa , quella bella sbiascicata rozza e caciarona.
Me ne vado da una Roma senza prospettive, una Roma che fortuna sa ancora soride.
Me ne vado dalla Roma di quel 71 Lulic, der giocamoce er picchetto che stamo sicuri.
La Roma der Francesco ce n'è uno, quale papa, er capitano,tutto er resto non te inculo.
La Roma de “ a chicco c'hai da venne du cannette?” la Roma der “fraté non passa famosela a fette”
La Roma dei notturni che so come dei fantasmi, che non vengono e se vengono te sfrecciano davanti.
Me ne vado da una Roma di promesse mantenute poco, colpa di sciacalli che se pensano che è n'gioco.
La Roma de dumila impicci, zitto, bono ao.
La Roma che fa capricci e la mafia è un tv show.
La Roma de "sticazzisempre a ciancicà politica."
La Roma che ti isola, te ama e poi te stritola
Me ne vado dalla Roma tappa fissa al bangladino, carichi di birre sopra un cinquantino. 
Roma de Cavour, der 3.14 e le sbronze
La Roma che distoglie dalle giornate storte.
La Roma dei cornetti caldi, quella der Libano er Dandi, quella che noi se va avanti, quella che semo ignoranti.
Me ne vado dalla Roma dei cannoni al Branca, dei cenoni co la banda sulla mia terrazza.
La Roma de San Pietro, delle birre sulla ferrovia.
Roma der supplì, Roma d'imperatori
Roma de Primavalle mica quella dei Parioli.
La Roma che amo, come l'aroma di rosmarino, quella che non lavora e non vorrebbe la Marino.
La Roma der colle di quel bel cielo da urlo, la Roma de primo Poeti der Trullo e Turco.
La roma del detestare il raccordo e la tangenziale.
La roma der Quirinale e di zerocalcare
La Roma do sta mi madre, la Roma che è un po’ mi madre.
La Roma che so rimare senza faticare come un drink al bar, con qualche aperitivo grezzo, con le facce da far pena, altro che apericena.
La Roma del mio Seneca, Virgilio, del Mamiani.
La Roma de Cornelia fino giù a a Prati fiscali, passando per Villa Ada e per i Musei Vaticani.
La Roma adornata dalle mani del Bernini pe poi venì rovinata da na mandria de cretini.
La Roma che d'estate non è Roma ma Ladispoli e d'inverno è bombe a casa perchè mancano gli spicci.
Mamma Roma vado guardami partire, mando un bacio al Tevere e al suo ingiallire.
Du pacchi de rigatoni fra i maglioni nella borsa, li pe damme forza che quassù é tutta na corsa..
—  Cranio