the amars

Ci sono parole e parole.
E poi c'è la complicità, che può concedersi il lusso di tacere.
—  Labellezzadellepiccolecose - (via labellezzadellepiccolecose.)
Tu anche stasera sei uscita, anche stasera per te è stato normale esistere senza di me. Io invece non ci riesco a cambiare le mie abitudini, a convivere senza il futuro che mi ero costruito, con la voglia irrefrenabile di scriverti “Ho sbagliato io” anche se non è così, pur di vederti tornare. Anche stasera sei uscita e nelle foto che posti vicina a persone che non conosco ti guardo e penso “Non sei più la stessa” tu che eri invisibile sempre. Magari un giorno torneremo insieme, ma se non sarà così, sarò fiero di me perché vorrà dire che come te ho imparato a dire no, ad andarmene davvero. Anche stasera sei uscita uscita, sicuro con un altro che ti ha riempita di complimenti e ha smesso di guardarti dentro gli occhi finito il sesso. Io non mi accontenterò di una vita qualunque solo per convincermi che ci sto riuscendo, starò da solo e quando sarà il momento tornerò a credere nelle persone e non chiamerò più quello che mi hai dato “Amore” ma disinteresse. Anche stasera sei uscita ed io nonostante tutto ti sto aspettando perché non so rinunciare a chi mi porto dentro.
—  Antonio Dikele Distefano

—Aquí todos nos amamos, todos somos hermanos.

Hay ocasiones en las que comprender algo nos produce interiormente un estallido de luz. (…)
Aquel mundo no era como el mío, no era un lugar de competencia, de temor y desconfianza, de rivalidades ni egoísmos, no; aquella humanidad era una gran familia en la que la gente se amaba, y por eso compartía lo que tenía, buscando siempre la felicidad de cada uno y de todos.

—  Ami, el niño de las estrellas. Enrique Barrios.
Non ho saputo capire niente allora! Avrei dovuto giudicarlo dagli atti, non dalle parole. Mi profumava e mi illuminava. Non avrei mai dovuto venirmene via! Avrei dovuto indovinare la sua tenerezza dietro le piccole astuzie. I fiori sono così contraddittori! Ma ero troppo giovane per saperlo amare.
—  Saint Exupery, Il Piccolo Principe

Es casi medianoche,
aún rebotan en mi cabeza
las palabras que dijiste hace unos minutos:
muero por volver a verte.


No es tan fácil como suponíamos,
después de todo
sin tener mucha certeza
nos arriesgamos a seguir en esta aventura.


Echo de menos tu sonrisa
y el sonido de tu voz que siempre me acompaña.


No fue suficiente nuestro último encuentro,
menuda manía que tiene el tiempo
de arrebatarnos los instantes que nos quedan
antes de vernos partir.


Aunque, a pesar de eso,
nos quedan los momentos vividos sin sentirnos
y las noches lluviosas de abril
para envolvernos entre suspiros y latidos alborotados.


Y si es así,
¿qué más podemos perder?


Porque cada minuto que paso a tu lado
lo guardo en un pedacito de mi memoria,
y siempre termino con sonrisas demás
cada vez que hablo contigo.

—  “Aquello que llaman Amor | Parte 4”, S. Syeiduco
Essere stati amati tanto profondamente ci potrebbe per sempre, anche quando la persona che ci ha amato non c'è più.
E’ una cosa che ci resta dentro, nella pelle.
—  Labellezzadellepiccolecose - (via labellezzadellepiccolecose.)