tanto non gli piaccio

Alessando, domani mattina mi sveglio e guardo il display sperando che Lorenzo mi abbia scritto, ma ci sarà solo l'icona verde di whatsapp; con i soliti messaggi ma non il suo.

Allora avrò voglia di piangere come ogni mattina e ogni sera.

Tornerà tutto normale, è solo che questa sera mi sento strana.

Ma sono sicura che passa, domani sarà tutto normale, tutto come prima.

E non mi importa di quello che ti scrivono su ask; sono solo anonimi e io esisto per davvero.

Io  le cose te le posso dire, ma non le dico, perchè non le so, perchè sono confusa Ale.

Aiutami a capire.

So solo che non voglio perderti.

Sii felice con la tua ragazza che io cercherò di essere felice da sola.

Perchè si sa: a Lorenzo non piacerò.

Svolte

Ho appena visto un post nella mia dashboard con scritto “Tanto non gli piaccio”. Mi sono resa conto che anche io lo dicevo, l'ho detto molte volte, ma da quando L'ho conosciuto e mi ha fatto credere in me stessa non lo dico più. Sarà una piccola conquista, ma mi ha fatto sorridere per la prima volta oggi.

Mi basta vederti anche domani

Ho pensato di non sapere più scrivere.

Ho pensato che forse non sto abbastanza male.

Come posso stare male?

Ho pensato che dovrei lasciare perdere, ma non posso andare avanti senza averci nemmeno provato, senza aver nemmeno lottato, io che ci tengo così tanto.

E’ che forse sto pensando troppo. 

Quindi magari ti scrivo, così tu non mi rispondi, o magari mi rispondi male.
E io starò male, e stando male sarò felice. 
E scriverò come prima e mi sentirò viva in questo oceano di nulla.

Ché tutti continuano a dirmi che non sei come Lorenzo.

Domandano,  e io non ho risposte, cedo il silenzio, interpretatevelo. 

io lo so, tu sei come Lorenzo, il passante che incontro per strada potrebbe essere come Lorenzo, un ragazzo  a caso potrebbe essere come Lorenzo; perché per Lorenzo non bastavo, non ero abbastanza, e non lo sarò nemmeno per te, né per nessun altro, quindi sì, sei come Lorenzo, e Lorenzo è come tutti gli altri.

Ho paura del vecchio dolore? Può darsi.

Ho paura che tu possa distruggermi come ha fatto Lorenzo? Sì.

Ma sai cosa? Preferisco abitare in queste incertezze, innalzare castelli di sabbia invece di avere la certezza di non avere speranze con te.

Perché io il coraggio per affermarmi non ce l'ho, perché a me basta vederti anche domani.

è l'insicurezza che mi fotte. sempre. sempre. ma non so come evitarla. come affrontarla. come combatterla, arginarla. è che è troppo radicata in me. mi divora l'anima, giorno e notte, relazione dopo relazione, mi rende fragile e forte allo stesso tempo, 'tanto non mi amerà mai', 'figurati se gli piaccio', 'non esiste lieto fine, per me.' mi fa sentire come se non mi meritassi niente. o meglio, come se tutto quello che ho passato, è perchè me lo meritassi. e quindi eccomi qui. cuore spezzato, anima rotta, persa. ma invincibile. chi dovrebbe essere il disastro, scusa?

24/11/14 01:11