superviper

2

Basilica sotterranea di Porta Maggiore

Metà I sec. d.C., Roma, Piazzale Labicano

Struttura trinavata con abside centrale, lunghezza circa 12 m, larghezza 9 m, altezza 7 m; opera cementizia, decorazione a stucco e affresco.

-

Questo è un posto un sacco misterioso che se scenne sottotera pe visitallo, e stava sottotera puro all’epoca dii romani quanno è stato costruito, e no solo mo perché ciamo costruito sopra noi.

Spesso viè chiamata Basilica Neopitagorica, perché se pensa che chi l’ha fatta fà fosse un seguace dee na filosofia ispirata a Pitagora, che come vedi nun è solo quello dee tabbelline e der famoso teorema ma puro un mistico e un filosofo; ma me renno conto mentre che scrivo che te manco ‘e tabbelline te sei studiato quinni te basti sapè che era un gran cervellone. A Roma ar tempo dell’imperatori s’ereno diffuse certe sette un po’ ispirate a lui, in particolare all’idea che dietro all’apparente casino e schifo der monno ce sta un ordine superiore e na verità nascosta, che si uno è bravo e paziente e ce se mette d’impegno li pò scoprì e vive mejo e perfino superà i limiti umani e perfino perfino aggiudicasse ‘a vita eterna .

E pare (ma nun è popo sicuro) che sto posto ‘o fece costruì un tale Statilio Tauro che era ricco ma poi cadde in disgrazia, forse pe motivi politici, e fu accusato de praticà ‘a maggia (che magara era sta filosofia che amo detto, che però pe potello condannà dissero “è maggia, è vietato, nun se pò fa”).

Che d’era dunque sto posto? Nun se sa bene. Potemo però dì senza meno che nun era na chiesa, in caso quarcuno se sconfonnesse leggendo “basilica”, che ‘e basiliche romane nun ereno robbe de religione ma sale de riunione a forma rettangolare co li pilastri, come questa qua appunto, e solo dopo li cristiani hanno copiato ‘a forma. Forse era na tomba, o forse un’aula de incontro e insegnamento tipo quelle de scola ma pe gente molto più intelligente e selezionata tipo scola privata supervip dii neopitagorici, ma comunque, scola pubblica o privata, te nun ce saresti entrato mai.

‘A decorazione è da paura tutta fatta de stucco, che s’è conservata perché quanno er proprietario è annato a finì male sto posto l’hanno chiuso, messo i sigilli, e riempito de tera, e l’hanno trovato dumila anni dopo pe caso mentre scavaveno pe fà ‘a ferovia. Sò raffigurati tutti miti legati all’aldilà e ar superamento de se stessi come esseri umani, tipo quello de Orfeo, che te ‘o conosci già, o quello de Ganimede, che Zeus se n’era invaghito e se trasforma in aquila quasi fosse daa Lazio e ‘o rapisce in cielo. E se vede Ercole che va a recuperà Arcesti dall’ortretomba, che sta Arcesti s’era sacrificata ar posto der marito pe nun fallo morì. Ma soprattutto, ner posto d’onore in fonno aa sala, c’è ‘a scena daa poetessa Saffo che, avenno preso er due de picche da un pischello de cui s’era innammorata, se butta in mare, e viè accolta da Ino-Leucotea, che puro lei s’era buttata in mare per amore, ma der fijio, pe sarvallo dar marito che era impazzito e ‘o voleva ammazzà, e li dei l’aveveno trasformata in divinità.

Quinni tutti esempi de amore che te fa annà ortre er limite, che pare che mori ma in reartà entri in una dimensione superiore. Però si me posso permette na riflessione, è bello e nobile e quasi divino morì pe sarvà un figlio o un marito o pe un ideale; ma buttasse in mare come Saffo pe no stronzo che nun te vole me pare na cazzata, perché aho si nun te vole nun te vole, nun è che je poi cambià a capoccia, e puro si ‘o costringi, poi devi da sta co uno che sai che nun te voleva, ma pe carità; mejo fassene na ragione e annà avanti, che ner mare, ortre a Ino-Leucotea, ce stanno mille e mille pesci, come dice er proverbio, e sai quanti antri mejo ne trovi?