(…) Tu sei venuto per conoscere tutto!
Tu sei venuto per amare tutto!

Per strappare al gran buco del non-essere, le cose
E chiamarle al viaggio, alla luce.

Per questo sei qui.
Per conoscere tutto: case, strade, corridoi,
galere, orologi, vette, animali, batteri,
metalli, pietre, amori, ogni moto
di un cuore, anche il suo massimo
strazio, e poi cattedrali, ponti, numeri, colori,
atomi, particelle, velocità, formule.
Per questo sei qui. Per amare tutto.
—  M. Gualtieri, Caino, Einaudi, 2011

Non ho voglia
di tuffarmi
in un gomitolo
di strade

Ho tanta
stanchezza
sulle spalle

Lasciatemi così
come una
cosa
posata
in un
angolo
e dimenticata

Io mi ricorderò tutto: dalle risate, ai pianti, agli abbracci e le telefonate serali lunghe.
Sei stata la famosa “sorella non di sangue”, peccato che le sorelle non si dicano addio.
Ricorderò tutto e lascerò che i ricordi se ne stiano in un angolino…chiuso.
Ormai non ricordo più la tua voce, e neanche i tuoi occhi, non ricordo la tua risata(o forse si…la ricordo, ma poco), non ricordo il tuo modo di essermi vicina né il tuo profumo.
Ho sempre immaginato un futuro diverso ad entrambe, si..con il tuo uomo. Però non avrei mai immaginato che un uomo ci dividesse, no…per niente.
Io ricorderò tutto della tua famosa sorpresa, e anche dei tuoi consigli
Purtroppo, tu hai scelto una strada e io un'altra, da percorrere divise.
I peggiori addii sono quelli che si danno alle proprie “migliori amiche”, non quelli mai detti!
—  me stessa
Quando la gente mi chiede di lui, di noi, di cos'è successo e perché le cose sono andate storte, mi limito ad un semplice “non lo so”, sviando l’argomento.
Ma non è vero che non lo so. È che probabilmente certe cose sono davvero impossibili da spiegare, da capire a meno che tu non ne sia coinvolto.
Perché certe storie sono così, da certe storie non ce ne esci mai del tutto, e se ci riesci non sei più la stessa persona.
Perché certi amori ti cambiano. Certi amori sono talmente veri da rendere te una persona vera, viva, da cambiarti per sempre la prospettiva d’amore ed il modo d’esternarlo verso gli altri.
E non so spiegarvi perché lui non è più qui con me, non so spiegarvi perché a volte l’amore non basta, perché le tempistiche sono troppo limitate ed il tempo ti sfugge dalle mani, esattamente come lui è sfuggito dalle mie.
Perché l’amore è un viaggio, qualcosa che s’affronta insieme, qualcosa che sai quando inizia ma non sai quando finisce. E quando ciò accade, però, uno dei due non torna più a casa, ed io, sono ancora per strada.
—  summerlightss
E siamo storie già lette, tra mille frasi non dette.
Siamo l’amore che scorre veloce, ma su due strade diverse.
E siamo tutto e poi niente, siamo la fine che scrive l’inizio e comincia da me.
—  Francesco Renga