sto male

–Sono cambiata?
Te lo sei mai chiesto il perché?
Ti sei mai domandato perché è così fredda?
Perché non è più dolce com'era prima?
Così aggressiva?
Perché si è chiusa in se stessa?
No, ovviamente.
Quindi ora levati, fai come hanno fatto tutti, tanto “sono cambiata”, l'hai detto tu.
—  Frasi riflessive
Non sono coerente.
Amo leggere, ma non studio.
Mi piace scrivere, ma quando devo mandare un messaggio importante faccio un gran casino.
Mi piace dormire, ma resto sveglia notti intere a fare tutt'altro.
Dico “sto bene” quando sto male.
Dico “si” e penso “no”.
Penso “rimani” e dico “vai via”.
Dico “ti odio” e invece ti amo.
Lo vedi come siamo io e te? Litighiamo anche per le minime sciocchezze, perché tutto è importante per noi. Perché tu sei importante per me ed io lo sono per te. Adesso se fossi qui, ti prenderei e ti riempirei di baci, di carezze, di abbracci. Non so se te ne sei reso conto ma riesci a farmi cambiare umore in due secondi. Sono incazzata, mi scrivi e mi torna il sorriso. Sono felice, litighiamo, mi gira e sto male, male davvero. Male che ti darei una sberla che non dimenticheresti mai più, credimi, male per quanto ho bisogno del tuo amore, della tua gioia che è la mia e di te. Lo vedi come siamo io e te? Siamo quelli che un secondo si odiano e l'altro si amano.
Per una volta, una soltanto, vorrei solo poter scappare lontano dai miei problemi.
Iniziare a correre, semplicemente.
Con la speranza che tutto questo male mi lasci respirare quel che rimane della mia vana vita.
—  Altro-ego
Non capivo perché tutto questo mi faceva male.
Avevo talmente tanta di quell'ansia, che mi veniva un buco allo stomaco e giramento di testa.
Non sapevo neanch'io con che forza riuscivo a scrivere per raccontarti tutto ciò.
Cercavo di non essere una psicopatica depressa quando stavo da sola, ma non ci riuscivo.
Nel momento stesso che qualcuno mi lasciava da sola, in quello stesso momento io impazzivo pensando.
Forse era questo il mio male.
Pensavo troppo e ricordavo tutto quello che mi aveva ferito nel profondo.
C'erano alcune frasi nella mia testa che non erano facili da cancellare.
Avevo delle immagini di comportamenti che a mio parere, non erano stati molto corretti nei miei confronti.
Avevo troppe cose in testa che mi facevano impazzire e avevo paura che con il tempo,tutto questo, mi avrebbe uccisa.
E stava funzionando.
Ma che occhi che hai, bambina mia.
Mi ci specchio dentro e piango.
Ci vedo dentro tanta paura, so che stai covando rabbia.
La solitudine ti stringe forte le mani, mentre guardi impietrita le solite stragi.
Chi ti difende da chi dovrebbe farlo?
—  Altro-ego
Se tieni a qualcosa, non è che a volte ci stai male.
Ci stai sempre male.