sta at

i think what got to me the most about keith’s vlog is that he doesn’t just say “i’m sorry” after his outburst?

for one, he says “i am so sorry— i’m so sorry.” like, he says it twice over, and then he adds that “so”, which probably doesn’t mean a lot but in my opinion (as a writer) holds so much merit to it? like he’s genuinely sorry about his temper. he’s genuinely upset that he lets himself get angry and that just makes me wonder how many times he’s beat himself up over an outburst and i love keith

Peró nel mio caso
hanno sempre preferito perdermi
piuttosto che lottare e
venirmi a prendere, mi
hanno sempre lasciata
in sospeso, nessuno
che ti tiene, nessuno
che ti rincorre, nessuno
che ti viene a
prendere, eppure
nonostante tutto
dicono di volerti bene
che non potevano
trovar di meglio e poi ti
lasciano andare.
—  Ilmiobisognoelamancanza
Resta single finché non trovi
una persona che ti fa sentire importante,
che spegne il telefono
quando è con te,
che non si preoccupa di ciò che
dicono gli altri,
che ti guarda negli occhi
quando gli parli,
che ti dimostra che sa ascoltare e
non solo sentire.
Resta single finché non trovi
quella persona che non ha paura
di urlare davanti a tutti
“Giulia ti amo!”
a costo di far arrabbiare tutto il vicinato.
Resta single finché non trovi
una persona che
cucina per te con amore,
che ti parla di ciò che gli piace,
che non vede l’ora di arrivare da te
per raccontarti le sue giornate,
che vuole che sia tu la prima
a sapere le sue novità.
Resta single finché non trovi
la persona che
mollerebbe tutto pur di stare con te,
che non ha paura di rischiare,
che vuole starti accanto,
soprattutto quando ci sono
dei problemi da risolvere,
che ti dimostra di amarti davvero.
Resta single finché non trovi
quella persona
che ti scrive
“fammi sapere quando arrivi a casa, scrivimi”,
e rimane sveglio finché non gli scrivi.
Resta single finché non trovi
la persona che
ti presenterà con onore e
piacere alla sua famiglia,
che ti inviterà nelle grigliate estive con i parenti,
che non vedrà l'ora di trascorrere il Natale insieme a te e ai genitori.
Resta single finché non trovi
una persona in grado di chiederti scusa
quando sbaglia,
disposta a fare il primo passo
anche se non dovrebbe,
solo perché non sopporta l’idea
di stare senza di te
o non poterti parlare.
Resta single finché non trovi
una persona lungimirante,
che mantiene le promesse che fa,
che vuole includerti in tutte le sue attività
e che fa tanto affidamento
sul tuo parere,
tanto da cambiare i suoi piani.
Resta single finché non trovi
la persona che ti fa capire che
sei sempre al centro dei suoi pensieri,
anche quando lavora o
studia o
quando è in un posto meraviglioso senza te.
Resta single finché non trovi
una persona che è disposta ad insegnarti qualcosa e
che non vede l’ora di farlo.
Resta single finché non trovi
una persona che
vuole farti migliorare
in ciò che serve per te,
per la tua autostima,
per la tua crescita,
per il tuo orgoglio.
Resta single finché non trovi
una persona che correrebbe da te
anche alle quattro del mattino
solo perché glielo hai chiesto.
Resta single finché non incontri
davvero la persona
che vuole rimanere al tuo fianco
per sempre e continua a
dimostrartelo.
Resta single finché non trovi
la persona che
ti fa battere forte il cuore
ogni volta che la vedi
e che ti fa sentire sempre meglio.
Resta single finché non trovi
quella persona che ti fa camminare
dal lato sicuro
del marciapiede.
Resta single finché non trovi
quella persona
con cui faresti tutto,
anche ciò che non ti piace,
a condizione di stare con lui.
Resta single finché non trovi
una persona che non abbia paura
di sbandierare
in piazza
il suo amore per te.
Resta single finché non trovi una persona
che non cerca di cambiare lati
del tuo carattere.
Resta single finché non incontri quella persona
che senti di non voler lasciare
per nessun motivo.
Resta single finché non trovi
quella persona che ti porta
la colazione a letto
facendo un cuore
con dei biscotti.
Resta single finché non trovi
quella persona che non smetteresti
mai
di baciare.
Resta single finché non trovi
quella persona con cui smetti
di litigare e cerchi di risolvere
sempre le discussioni
a priori.
Resta single finché non trovi
quella persona con cui puoi parlare
di tutto e che ti parla
di tutto.
Resta single finché non trovi
quella persona che
ti fa notare
ciò che gli dà fastidio
senza tenersi le cose dentro.
Resta single finché non trovi
quella persona di cui ami
anche i difetti.
Resta single finché non trovi
quella persona che si ferma
a godere insieme a te
la brezza di vento che ti sfiora
la pelle durante
una passeggiata.
Resta single finché non trovi
quella persona che rimarrebbe
con te a guardare
le stelle per sempre.
Resta single finché non trovi
quella persona che
solo con un bacio nella fronte
ti migliora la giornata.
Resta single finché non trovi
quella persona che guarda
con te nella stessa direzione.
Resta single finché non trovi
quella persona che ti rende
meravigliosamente folle.
Resta single finché non trovi
quella persona che ogni giorno
non fa fatica a dimostrarti
il suo amore attraverso
i piccoli gesti;
perché non è una fatica,
è un piacere.
Fino ad allora,
resta single.
— 

GIULIA GHIRONI- (via @queitaglisuipolsisporchi) NON TOGLIETE LA FONTE, CI TENGO TANTO. SE PRENDI, SCRIVI SOTTO IL MIO NOME.✨ Seguimi su Instagram se ti va: @giuliaaghironi ✨


“Resta single finché non trovi quella persona che ti fa camminare dal lato sicuro del marciapiede.”

Ho capito poi, 
dopo tanti tentativi, 
che non dovevo 
per forza 
cambiare me stesso, 
che sarei stato più felice 
se mi fossi scelto 
un po’ di più, 
ogni tanto.
—  Chi sta male non lo dice - Antonio Dikele Distefano (via @marika-pap)
Da piccola mi raccontavano
quella bugia del
‘se avvicini una conchiglia all'orecchio, senti il mare.’
Poi ho scoperto che
in realtà
è solo un'eco
a dare l'illusione di ascoltare
le onde da così vicino.
Quindi non mi stupirei se
quando appoggio
la testa nel tuo petto
qualcuno mi dicesse
‘guarda che il battito del suo cuore è solo il riflesso del battito del tuo.’
— 

Giulia Ghironi. - (via @queitaglisuipolsisporchi)

Seguimi su Instagram, se ti va: @giuliaaghironi ✨

non sei più un pensiero fisso come prima, ma a volte cade su di te la mia attenzione, per svariati motivi, ma in ogni caso evito categoricamente di avvicinarmi a te, non mi manchi più come una volta, sto bene senza di te, non mi faccio più del male, ho imparato a bastarmi già da un po’, ho imparato a voltarmi e non trovarti, mi sono pian piano abituata alla tua assenza, finché è diventata quasi irrilevante, quasi non si sente piu, solo in alcuni frammenti di tempo, mi capita di avvertire sulla mia pelle la tua assenza, ma anche questa volta non è più come prima, ci penso, penso a te, a quello che saremo potuti essere ma poi, l'attenzione mia si distoglie da ciò e penso che ti chi ti vuole ti tiene, che chi ti ama resta, chi si pente torna, che se solo tu avessi voluto con la stessa intensità con la quale volevo io, saremo potuti essere così maledettamente felici, ma non è andata così, e va bene.
mi sento più leggera ora senza te, mi sento me stessa, sento di non dovermi privare della mia vita, ed è favoloso, ma soprattutto sento che sono in armonia con me stessa, ho sviluppato amor proprio.
non tornare, non farlo, non ancora, non di nuovo.
non distruggere tutto ciò che ho creato.
vai via.
esci definitivamente da me e dalla mia vita. scusa se me ne frego, ma ho imparato da te.
—  bonnie prk. @wordsofablackshadow

Un giorno
qualcuno mi chiese
“cos'è il dolore?”
e io non seppi rispondere.
Ma oggi
ho trovato le parole giuste.
Il dolore
è quando qualcuno
ti prende le mani
e ti fa entrare nel suo mondo,
ti lascia conoscere
le sue paure
e le sue insicurezze,
per poi farti ridere tanto,
fino a quando lo stomaco ti fa male.
Ti fa sentire importante
perché sei l'unica persona
che tratta così,
con cui condivide se stesso.
E poi, senza una ragione
ti lascia le mani
e si allontana da te
1, 2, 3, 5, 100 passi,
e ti mostra che può essere felice
più di quando lo era con te
con chiunque altro.
Questo è il dolore.

Giulia G. - (via @queitaglisuipolsisporchi)

Te la dedico, è tutta per te.

Non limitatevi a chiedere “Come stai?” a chi amate sul serio, perché chi sta male non lo dice. 

- Antonio Dikele Distefano (via @marika-pap)

Non mi interessa se non mi ami più, perché io ti amo ancora. Ma ti dimenticherò, come le salite al ritorno, i ripari nelle città costruite in verticale, le promesse fatte dai politici in campagna elettorale, i sogni, come ha fatto il grande pubblico con i Sottotono. Io non ho smesso di credere nel destino, nei “per sempre”, nelle cose fatte in due, nell'amore che ti cambia la vita.
Ho solo smesso di credere che tu avresti potuto essere tutto ciò. E mi odio ogni volta che ti vedo, perché c'è un abisso tra le cose che ti vorrei dire e quelle che invece ti dico.
Amare qualcuno che non ti ama è come ritrovarsi in una strada senza cartelli stradali, morire senza provare dolore.
Perché al dolore ci si può ribellare, ma al niente no, capisci?
Tu cadi in piedi, io ai tuoi piedi.