spazzolare

-

Premetto che ho sempre creduto in un entità superiore ma non ho mai creduto in Dio, o forse per un periodo sì. 

Questo non ha importanza, o forse sì.

Oggi giravo per la mia città e ad un tratto mi ha fermato un Cristiano Evagelico. -lo scrivo con la C enorme perché so che se esistesse Gesù Cristo o Dio sarebbero molto fieri di lui.

Mi ha prima sorriso e poi mi ha chiesto di fermarmi a pregare.

L'ho guardato, avrà avuto una sessantina d'anni, baffetti grigi ed occhi stanchi. Non volevo dirgli di no ed essere l'ennesima persona che rifiutava uno scambio di parole ma non volevo neanche passare dei minuti in falsità così gli ho chiesto di parlarmi della persona in cui credono. 

Mi ha sorriso. 

“Signorina, Dio è la mia unica speranza. 
Tempo fa ho perso mia moglie
ed ho perso la mia bambina in un incidente stradale. 
Signorina,
noi eravamo nel paese del sole e del mare, la bella Napoli, per vacanza ed è stata colpa mia. 
Dopo il giorno del funerale ho passato quasi dieci anni a piangermi addosso, 
piangevo e bevevo alcool, 
e poi Dio mi ha chiamato a sé. 
La sera prego tanto per mia moglie e per mia figlia, 
e chiedo a Dio di trattarmele bene a quelle due là, 
che tenevo un diavolo per capello
ma erano belle.
Tu forse sei troppo piccola per capirle ‘ste cose, signorì, ma io ci volevo passare la vita a spazzolare i lunghi capelli castani della mia bambina e ad accarezzare il corpo di quella donna, che era la mia donna. 
Mai le ho mancato di rispetto
ma quando muore tu che fai? non puoi pensare al rispetto
puoi solo parlare loro attraverso le preghiere”

Mi ha mostrato un'agenda, 
era marroncina ed alcune pagine erano strappate
c'erano tante preghiere 
scritte in nero
poi in blu
poi in verde
poi con un pannerallo
e poi con un pastello.

“Io le scrivo le preghiere
e sono tanti anni che scrivo e basta.
Mi sveglio la mattina ed invece di baciare il corpo di mia moglie scrivo
ed invece di andare a svegliare mia figlia
le scrivo.
Solo così posso sentirmi meglio solo
e so che Dio si sta prendendo cura di loro”.

Non ho lasciato che pregasse per me, 
gli ho chiesto solo il tempo che era passato da quando si era convertito
e mi ha risposto che aveva quarant'anni quando aveva deciso di avvicinarsi a Dio,
gli ho detto che io son stata battezzata a Settembre di tre anni fa, 
mi ha sorriso, forse non se lo aspettava.

Non ho voluto dirgli che quel battesimo era stato non per mio volere
ma gli ho detto “Poi mi sono fidanzata con una ragazza e mi sono allontanata dalla chiesa evangelica”.

Mi ha guardato ed ha scosso la testa
“Piccolì, grande errore. 
Dio si arrabbia quando tu lo rifiuti
quando decidi di non essere sua figlia
di darti al male
non quando baci una persona del tuo stesso sesso, 
non quando sei gay.
Dio ti ama
e se tu lo vuoi non ti lascia sola”.

Mi ha lasciato il “Vangelo di Giovanni”
ed un bigliettino
io gli ho lasciato il mio nome dandogli il permesso di pregare in mia assenza.

Lui lo sa che non mi rivedrà
ed io so che non lo rivedrò
ma mi ha lasciato una nuova storia da raccontare
ed una domanda da porgermi ogni notte.
“ E se Dio esistesse e non fosse omofobo come lo descrivono molti cristiani?”

\ frammenti di me. \

Trucchi su come far crescere i capelli più velocemente:
  1. Utilizza il balsamo ogni volta che lavi i capelli.
  2. Non lavare i capelli tutti i giorni o ogni due, troppo shampoo danneggia la fibra.
  3. Fai una maschera per capelli a settimana, o utilizza un olio dopo lo shampoo, anche l’olio d’oliva va bene, anche se io raccomando quello di cocco e quello di lino.
  4. Le vitamine per capelli aiutano, io con Hairfinity ho avuto una crescita di 4 centimetri in due mesi. 
  5. Non spazzolare troppo i capelli o li strapperai.
  6. MAI avvolgerli nell’asciugamano, li spezza. 
  7. Sciacquali con acqua fredda alla fine di ogni lavaggio.
  8. Lasciali al naturale e metti via phon o piastra se possibile, tienili lontano da ogni fonte di calore.
  9. Diffida dai prodotti che dicono di proteggere il capello dal calore, niente protegge il capello oltre i 200 gradi della piastra.
  10. Buona fortuna!

Cose che si dovrebbero fare in una domenica di ottobre:
Pulire casa.
Stendere il bucato.
Preparare qualcosa di decente per il pranzo.
Giocare a nascondino col gatto.
Perdere tempo.
Piangere un po’, se proprio devo, ma sarebbe molto meglio ridere.
Leggere, provare a scrivere una poesia.
Usare la malinconia per andare dove non posso essere.
Ascoltare il silenzio.
Fare una doccia calda, spazzolare i capelli.
Guardare dalla finestra e buttare via i cattivi pensieri.