sono-qui

22 febbraio 2017

Con questo messaggio voglio annunciarvi che ho deciso di allontanarmi da Tumblr per un periodo indefinito.
Vorrei ringraziare con tutto il mio cuore le anime meravigliose che ho conosciuto qui. Sono sempre stato incostante, irrequieto e lunatico, per questo motivo ci tengo a scusarmi con tutte le persone che, involontariamente, ho deluso. Quello che doveva essere in origine il diario della mia vita ha iniziato ad influenzarla e, a poco a poco, a divorarla. Mi capita di passare i pomeriggi interi su quest’isola fantastica, ma allo stesso tempo maledetta. Ripongo le mie speranze e i miei desideri fanciulleschi su persone che probabilmente rimarranno sempre un indefinito miraggio, e ciò non mi fa affatto bene.
Non riesco più a discernere quel che è davvero importante da quel che non lo è, ho smarrito completamente la cognizione del tempo.
Il tempo, che a lungo avevo cercato invano, che pensavo di aver finalmente ritrovato ma che a poco a poco sto perdendo, come granelli di soffice sabbia che con una folata di vento volano via dalla mia mano.
Grazie a Tumblr ho conosciuto il primo amore della mia vita, e, di conseguenza, ho vissuto la prima amara delusione. Ogni cosa che vedo su quest’isola non fa altro che riportarmi in un passato che è ormai svanito, per sempre.
Ho un obiettivo, quello di diventare un Uomo, con tutte le responsabilità che ne conseguono. Non sono più un ragazzino e non posso più permettermi di perdere tempo. Voglio una vita ricca di emozioni e di felicità.
Voglio un nuovo inizio, e per costruirlo ho una lunga e impervia strada davanti.

Chiara, non so se leggerai questo messaggio, ma sappi che nonostante tutto quello che è successo fra noi, conserverò per sempre con tanta dolcezza il ricordo di te.
Il nostro è stato un amore così puro e sincero, così tenero, eravamo una cosa sola.
Ti ricordi la collana che ti ho regalato? Il sole e la luna, assieme.
Io ero la luna, e tu il sole. Il mio splendente sole.
Spero un giorno di rivederti, e spero che quel giorno possa essere speciale per entrambi.

Ed ora che non ti cerco più, a cosa pensi?
Credevi di avermi in pugno, credevi che sarei stata troppo debole da lasciarti andare, credevi sarei rimasta aggrappata a te tutta la vita per assicurarti un posto nella quale tornare dopo qualche rifiuto.
E invece mi vedi ora? Sono coperta di fango, questo sì. Sono caduta all'incirca migliaia di volte ed ho creduto di non farcela senza di te. Ma sono qui, esattamente davanti a te, non nel tuo pugno, riesci a vedermi? Riesci a sentire il mio disperato dolore e la mia rabbia insistente?
Ti sto guardando negli occhi, e ti sto lasciando andare.
Ti sto lasciando andare,
e non mi vedrai mai più tornare indietro.

Sarei stata disposta a dartene una, due, dieci, cento di ‘seconde possibilità’.
Avrei rischiato tutte e cento le volte di essere ferita, ci avrei messo l'anima, mi sarei fatta scivolare ogni cosa, avrei cancellato la memoria, per te.
Avrei rischiato.
Io, per te, avrei rischiato.
Ma tu non hai voluto.
Nella mia vita tu, un posto, non l'hai voluto.
—  Zoe.
Non era una situazione facile.
Lei amava lui. Lo aveva sempre saputo e lo aveva finalmente accettato.
Lui? Lui non la amava. Non apertamente almeno. A modo suo. Senza affetto,senza contatto,senza parole dolci. Era tutta una questione di sguardi. Di piccoli gesti che dicevano “io ci sono” e lui c'era davvero. Quando voleva.
La magia era quando le parlava. Lei non sapeva dove guardare. Gli occhi,il naso, le labbra, il viso, quell'accenno di barba. Tutto era bello in lui, eppure se glielo avessero chiesto lei avrebbe negato. Lui però non la guardava allo stesso modo. Era tutto un fuggire dagli sguardi dell'altro. Una sfida a chi regge di più il contatto. Si cercavano con lo sguardo,spesso,senza accorgersene,però nessuno faceva un passo. Davanti agli sguardi degli altri erano estranei. Si odiavano. Lei aveva dubbi su questo, era finzione o realtà?Lui era bravo con le parole,lei era brava ad osservare i dettagli. Era questo che piaceva a lui,era questo che piaceva a lei. Le chiacchierate fatte di nascosto,quelle che nessuno avrebbe mai potuto conoscere,quelle cambiavano tutto. Quelle scoprivano lati di loro due che non avrebbero mai visto prima. Le menti che combaciavano,i cuori che si sfioravano in quelle parole non dette. Lui c'era sempre. Lei anche.
Non era forse amore anche quello?
Ti volevo vedere oggi, tutto qui, dopo una settimana passata a dimenticarti ce l'avevo fatta, poi ritorni e stravolgi tutto, ed ecco il risultato, mi manchi di nuovo, anche se penso che non abbia mai smesso, ti ho cercato sempre, ovunque, mi giravo, ma non ti vedevo, ti ascoltavo, ma non ti sentivo, mi mancavi, ma non c'eri.
—  Citazione mia @sololemielacrime
Neppure io amerei una come me. Insomma.. come si può amare un disastro del genere?
—  ucanbemydestiny ; Francesca Sinatra.
Voglio averti qui, stringere le mie braccia al collo e riempirti di baci.
Dormire insieme, senza dover creare l'illusione d'averti accanto.
Voglio, dedicarti ogni istante, della mia vita, della mia giornata.
Farti ridere, perché quel tuo sorriso é la miglior cura, per il mio cuore.
Voglio, dedicarti nuove emozioni.
Farti capire che, i sentimenti che provo per te, sono davvero forti.
E vorrei fartelo capire, ma non so trovare le parole giuste e tu, non capiresti comunque.
Quindi, aspetto tu, capisca da solo.
Ti aspetto qui, perché a me, importa viverti, non perderti.
Ti aspetto, perché ne vale la pena.
Ti aspetto, perché non può e non deve, finire così.
Perché, senza te, significherebbe vivere essendo morta.
Perché, se chiudo gli occhi, vedo solo te.
Non ho bisogno di nessuno, se non di te.
Ti aspetto, perché non mi arrendo.
—  Ashesofdestiny.