sono delusa

Aspettarsi belle cose dalle persone è inutile. Ti deludono tutti e nemmeno se ne accorgono. Ti lasciano con l'amaro in bocca dopo averti illuso di poter ottenere il dolce. Si comportano come se ci tenessero a te, e poi spariscono, quasi dimenticando tutte le promesse. Ti faranno credere di essere i migliori, ma col tempo si mostrano i peggiori.
Le persone, con i loro strani comportamenti, ti deludono sempre. E se devo dirla tutta, certe volte ti fanno restare proprio di merda.

“Nessuno conosce la vera me, nessuno sa quante volte mi sono seduta nella mia stanza e ho pianto, quante volte ho perso la speranza, quante volte sono stata delusa.
Nessuno sa quante volte ho dovuto trattenere le lacrime, quante volte sono stata sul punto di scattare, ma poi non l'ho fatto per il bene degli altri. Nessuno sa i pensieri che sono passati nella mia mente quando ero triste, quanto orribili fossero. Nessuno conosceva i miei sorrisi finti, i miei "sto bene”.
Nessuno mi conosce.“

Sono delusa.
Sono delusa perché me l’avevano raccontata in modo diverso. La vita intendo. Credevo che di solito nella vita di ognuno ci fossero dei problemi sì, ma anche che tutto il resto andasse bene. Qui invece sembra che vada tutto male ed OGNI TANTO qualcosa PARE vada per il verso giusto.
Ma è solo un’impressione, dopo qualche momento ti accorgi che in realtà un emerito cazzo va per il verso giusto.

Se mangio mi sentirò uno schifo,e sono già una merda così,inutile aggiungerne altra nel mio corpo.

Nessuno conosce la vera me, nessuno sa quante volte mi sono seduta nella mia stanza e ho pianto, quante volte ho perso la speranza, quante volte sono stata delusa. Nessuno sa quante volte ho dovuto trattenere le lacrime, quante volte sono stata sul punto di scattare, ma poi non l'ho fatto per il bene degli altri. Nessuno sa i pensieri che sono passati nella mia mente quando ero triste, quanto orribili fossero. Nessuno riconosceva i miei sorrisi finti, i miei ‘sto bene’. Nessuno mi conosce.

anonymous asked:

Sono un periodo difficile come tutti i ragazzi della mia età. Sono sola, delusa e starmi accanto è difficile. Sono una di quelle ragazza che nonostante tutto trova il lato positivo delle cose, che non mostra quanto soffre, ma trovo difficile passare le giornate a piangere. Non so cosa fare, mi è difficile anche stare a casa, litigo con tutti. Sto arrivando a chiedermi se sono io il vero problema...

Non arrenderti e pensa che, tutti abbiamo i problemi esistenziali…. momenti bui, ci sono, ma per favore, guarda oltre e pensa che ci sono margini per stare bene!!                                                                            

14. Fermate tutto.

Ho bisogno di scrivere. Ho bisogno di deprimermi ancora di più. Sono persa. Confusa. Arrabbiata. Delusa. Distrutta. Ho bisogno di scrivere perchè quando sto male non riesco a parlare, solo piangere o scrivere. E ho poche lacrime oggi, urlerei se ci riuscissi. Non ho appoggi, sono sola. E bisogna imparare a stare da soli. Ma vaffanculo ok? Vaffanculo perchè non ci si alza da soli. Se hai perso le forze, annullato tutte le difese non ti alzi da solo. Ho dieci pugnali conficcati sul cuore e sono a pezzi. Sono distrutta e non so cosa cazzo farmene ancora della mia vita. Sono sola in una stanza piena di vestiti e cose accatastate, e non c’è nulla, non c’è un cazzo che possa farmi sentire parte di qualcosa.Quante volte mi sono sentita dire che sono gli altri sbagliati, che merito solo il bene e la felicità, quante volte hanno giurato “non ti farò mai del male, fidati di me, non ti voglio fare male, sei importante.” Cazzate. Sempre e solo cazzate. Perchè ora che piango e non so che cazzo fare, che la gente mi guarda e non si accorge di quanto io mi stia perdendo, ora io non sono niente. Non c’è nessuno per me…e io ci sono sempre stata per gli altri. E’ forse questa la felicità? E’ forse questo il bene che merito? Vaffanculo.Ci ho messo l’anima per tutti, per tutto, ma poi io…sono qui.

Canto, quando sono triste, quando sono felice, quando sono arrabbiata, delusa, ferita, quando mi succede qualcosa di bello e non ho nessuno a cui raccontarlo. Mi basta accendere il microfono, le casse, e la mia sala studio diventa un palcoscenico. Oggi però, sulle note di una canzone d'amore mi sono bloccata. Adesso mi trovo seduta, col microfono tra le mani pensando che un tempo quelle parole le sentivo mie. Adesso non avrei nessuno a cui dedicarle. Potrei solo dedicarmi io una canzone. Magari “bella stronza”.

Le parole che non ti ho detto

E sapevo sarebbe finita così, arrabbiati e rancorosi l'uno nei confronti dell'altra, e viceversa. Con la differenza che a me passa e quello che resta è solo mancanza e assenza, quanto a te, già so che se anche ti mancassi vincerebbe quel maledetto orgoglio che hai e che ti fa perdere mille occasioni.
Ma del resto cosa mi aspettavo da una persona che alla domanda “Cosa vuoi da me?” risponde “Niente”. E non ti ho mai detto quanto mi abbia fatto male, più di quella volta che mi hai detto che mi consideravi una persona “normale”. Mai un complimento, mai una parola dolce. Ed io invece ti ho detto cose che non ho mai detto a nessuno, ti ho detto cose di cui mi vergognavo ma speravo potessero farti uscire allo scoperto.
Mi sono illusa, è questa la realtà, ho creduto che dietro i continui litigi, dietro quel non riuscirsi a dire addio, ci fosse qualcosa anche da parte tua, che non ero l'unica a sperare in qualcosa di più. Mi sono illusa e non è colpa tua, tu non hai mai fatto niente, è stata solo colpa mia e del mio desiderio di salvarti. Ma non si salva chi non ti vuole.
Finisce così, prima ancora di iniziare, e mi restano in testa tutte le cose che non ti ho detto, quello che volevo sapere di te e quello che volevo condividere di me. Più di tutto fa male che, pur non volendo, pur provando a non lasciarmi andare ai film mentali, ho in testa queste immagini di noi, di una vita insieme.
Ma per una vita insieme bisogna essere in due, e invece in questa ci sono stata sempre e solo io.
E non saprò mai che profumo ha la tua pelle, come sono i tuoi occhi al sole, la consistenza dei tuoi capelli. E tu non saprai mai quanto amore e affetto e sincerità e tutta me stessa avrei potuto darti se ti fossi lasciato andare.
Ma il problema non sei tu, sono io, come sempre.

B.

Quando la mente viaggia nel tempo sceglie solo le sensazioni.
Riporta a sé le emozioni che hanno ricamato sull'anima la mappa della gioia e del dolore.
Oggi, mentre il pensiero ripassava la sua lezione, ho trovato un grosso nodo sul mio ricamo interiore.
Sei tu.
È un groviglio intricato e, mentre piano piano, lo scioglievo, si srotolavano i dubbi. Vedevo, ora in modo chiaro, ogni tua bugia. Sei brava, menti in un modo delizioso.
Tu taci.
E hai riempito di silenzi bugiardi tutto il nostro cammino condiviso. Non basta dire che sono delusa. Delusione è sinonimo di aspettativa. E io non aspettavo niente.
Ero certa, sicura, da metterci anche il cuore, sul fuoco, per te. Tu. La migliore. Io solo la tua ombra.
Invece in ogni tuo silenzio è nascosta una bugia.
Fa così male che per oggi ho dovuto interrompere la lezione.
Ripasserò la memoria un po’ alla volta, se non voglio morirne.

Paola Felice

Non sono mai stata più delusa e incazzata di quanto lo sia in questo momento.
Mio padre non può venirmi a vedere a teatro nonostante me lo avesse promesso perché deve andare negli Stati Uniti per lavoro.
Ora io non voglio fare la bambina che fa i capricci ma ci tenevo perché volevo che vedesse quello che amo fare e quanto impegno ci metterei se quello fosse il mio futuro.
Mi sta andando a puttane il mascara perché non so fare altro che piangere, piangere e ancora piangere