senza famiglia

Parliamone di quanto mi faccia schifo questo periodo, per quanto la gente mi stia accanto mi sento sola, mi sento uno schifo. Ho l'ansia di entrare a casa, ho lo schifo di andare a scuola, resto nel letto ore e ore a pensare su cosa mi sto perdendo, su cosa potrei fare, su come va male la mia storia sentimentale inesistente, su cosa mi riserverà il futuro, penso e ripenso senza arrivare ad una conclusione, anche se in fondo una conclusione c'è, sarebbe quella di prendere e mollare tutto, andare via, una nuova destinazione, forse quella giusta, forse la felicità, ma no.. le cose semplici non sono per me.
Sto qui, mi rompo la testa, soffro, fingo ma non importa, lotteró per la felicità perché sono una combattente e so che posso farcela.
—  similealmaredinverno
Mi manca. Mi manca in ogni singolo, dannato, fottutissimo, istante, perché ognuno di questi istanti, belli o brutti che siano, li vorrei dannatamente condividere con lui.
E ho capito, caro Babbo Natale,  che io non ho niente di più da chiederti, se non una supplica: non togliermi quello che già ho. Inclusi i casini con la mamma, le giornate intere a scuola, il freddo, le attese alla fermata, i “visualizzato senza risposta”, gli amici a parole.
La mia vita, così com'è, è il più grande lusso al quale potessi aspirare.
Lasciamela così: spettinata come me, con qualche piccolo sogno realizzato qua e là da condividere con chi amo.
—  moony’s faith

Che poi devo ancora capire il senso della parola “casa”, forse perchè non ne ho mai avuto una. Cioè, tutti i giorni ho un posto in cui tornare, ma aprendo la porta non penso “sono a casa”. Potrei entrare in una qualsiasi delle mille che ho cambiato, ma in nessuna c'è mai stato quel calore, quell'accoglienza, quell'amore, quell'aria mista di vissuto e ricordi che ti fanno capire che quello è il tuo posto, ti appartiene, fa parte di te.

Un bambino chiede alla mamma: «Perché piangi?».
«Perché sono una donna» gli risponde. «Non capisco» dice il bambino.
La mamma lo stringe a sé e gli dice: «E
non potrai mai capire…».
Più tardi il bambino chiede al
papà: «Perché la mamma piange?». «Tutte le donne piangono senza ragione»,fu tutto quello che il papà
seppe dirgli.
Divenuto adulto, chiese a Dio: «Signore,
perché le donne piangono così facilmente?».
E Dio rispose: «Quando l'ho creata, la donna doveva essere speciale. Le ho dato delle spalle abbastanza forti per
portare i pesi del mondo,e abbastanza morbide per renderle confortevoli. Le ho dato la forza di donare la vita,quella di accettare il rifiuto che spesso le viene dai suoi figli. Le ho dato la forza per permetterle di continuare quando tutti gli altri abbandonano. Quella di
farsi carico della sua famiglia senza pensare alla malattia e alla fatica. Le ho dato la sensibilità di amare i suoi figli di un amore incondizionato,anche quando essi la feriscono duramente. Le ho dato la forza di sopportare il marito nelle sue debolezze e di stare al suo fianco senza
cedere. E finalmente, le ho dato lacrime da versare quando ne sente il bisogno. Vedi figlio mio,la bellezza di una donna non è nei vestiti che porta,ne’ nel suo
viso, o nella sua capigliatura. La bellezza di una donna risiede nei suoi occhi. Sono la porta d'entrata del suo
cuore, la porta dove risiede l'amore. Ed è spesso con le lacrime che vedi passare il suo cuore».

Mi sveglio depresso, odio me stesso, mi guardo allo specchio in un fottuto riflesso perchè cresco senza una famiglia da amare ho solo bisogno di gridare! Quanto mi manca qualcuno da abbracciare…
—  Mondo Marcio (via- @pioggiadidiamanti97 )
Io vulesse truvà pace;
ma na pace senza morte.
Una, mmieze'a tanta porte,
s'arapesse pè campà!

S'arapesse na matina,
na matin’ ‘e primavera,
e arrivasse fin’ 'a sera
senza dì: “nzerràte llà!”

Senza sentere cchiù 'a ggente
ca te dice:“io faccio…,io dico”,
senza sentere l'amico
ca te vene a cunziglià.

Senza senter’ 'a famiglia
ca te dice: “Ma ch’ 'e fatto?”
Senza scennere cchiù a patto
c’ 'a cuscienza e 'a dignità.

Senza leggere 'o giurnale…
'a nutizia impressionante,
ch'è nu guaio pè tutte quante
e nun tiene che ce fà.

Senza sentere 'o duttore
ca te spiega a malatia…
'a ricett’ in farmacia…
l'onorario ch’ 'e 'a pavà.

Senza sentere stu core
ca te parla 'e Cuncettina,
Rita, Brigida, Nannina…
Chesta sì…Chell'ata no.

Pecchè, insomma, si vuò pace
e nun sentere cchiù niente,
'e 'a sperà ca sulamente
ven’ 'a morte a te piglià?

Io vulesse truvà pace
ma na pace senza morte.
Una, mmiez’ 'a tanta porte
s'arapesse pè campà!

S'arapesse na matina,
na matin’ 'e primavera,
e arrivasse fin’ 'a sera
senza dì: “nzerràte llà!”
—  Eduardo De Filippo
Mi sveglio depresso e odio me stesso,mi guardo allo specchio e odio il fottuto riflesso, perché cresco senza una famiglia da amare. Ho solo bisogno di gridare quanto mi manca qualcuno da abbracciare.
—  Mondo Marcio