senza cottura

johnlockismyreligion  asked:

Buongiorno Doc, leggendo alcuni suoi post (e anche quello di firewalker sul succo di mela) mi rendo conto che spesso non conosciamo le norme basillari sulla corretta conservazione dei cibi. Ad esempio io ho un'idea molto vaga di cosa sia la contaminazione crociata degli alimenti e credo di esserci incappata spesso. Lei ha qualche consiglio terra-terra su come evitarla e fare in modo che un frigo non diventi un deposito di armi biologiche? (anche non anon, non importa)

Il concetto di contaminazione crociata è riassumibile in due o tre parole.

Uova, carne cruda e verdure in frigo devono essere tenuti SEPARATE da qualsiasi altro alimento, soprattutto se quest’ultimo verrà consumato senza ulteriore cottura.

Il motivo per cui esistono scomparti a chiusura a varie altezze all’interno del frigo non è solo una questione di temperatura (quelli più bassi una volta erano più freddi ma adesso con la ventilazione forzata non più) ma perché un petto di pollo crudo, un uovo o un cespo d’insalata possono contenere una gamma di batteri che vanno da quelli fecali classici fino a scomodare salmonella e campylobacter.

Per questo esiste il cassetto della frutta separato da quello della verdura (e se non c’è, la dovete conservare in sacchetti separati), quello delle uova è in alto, i formaggi (che difficilmente verranno cotti) hanno il loro e la carne conservata nel ripiano in basso nella confezione originale. 

Poi, esistono decine di altre regole (non metti il petto di pollo in padella con la stessa forchetta con cui lo servi in tavola o non usi il coltello con cui hai tagliato le verdure per lavarle con il formaggio etc) ma la cosa diventerebbe una lista paranoica.